SBK 2019: presentato il Kawasaki Racing Team

Svelato in Australia il team ufficiale della casa di Akashi per la prossima stagione, con l'iridato Jonathan Rea e il neo-acquisto Leon Haslam

Kawasaki ha atteso la vigilia dell'ultimo test della pre-season a Phillip Island per presentare al mondo la sua squadra factory per il Mondiale Superbike 2019, il Kawasaki Racing Team, che dopo la "due giorni" di collaudi che inizierà domani, affronterà nel prossimo weekend del 23-24 Febbraio il primo round stagionale, sempre sullo spettacolare tracciato australiano.

Star della serata è stato ovviamente il 4-volte iridato Jonathan Rea, che quest'anno difenderà il titolo trovandosi come dirimpettaio non più Tom Sykes, emigrato verso i lidi di BMW Motorrad, ma il Campione in carica dalla British Superbike Leon Haslam, al rientro nel Campionato del Mondo.

La nuova livrea della Ninja ZX-10RR non presenta in realtà particolari novità rispetto a quella della scorsa stagione, con buona parte di partner tecnici e commerciali che hanno confermato il loro posto sulle carena della furiosa 4 cilindri di Akashi.

Dopo aver messo in fila la concorrenza negli ultimi test di Jerez e Portimao (dove ha rifilato 1" a tutti), è inutile negare che Jonathan Rea rimane per tutti l'"uomo da battere" in questo 2019. Nelle sue dichiarazioni, però, il 32enne nord-irlandese non si è lasciato andare a particolari proclami:

"Kawasaki fa sempre le cose in grande quando si tratta di lanciare i nuovi colori, e questa è la prima volta che vedo dal vivo la moto nella sua versione finale. Tutto ricomincia e noi vogliamo scrivere un grande capitolo della nostra storia anche nel 2019.

"Ho cambiato il disegno del mio numero 1, incorporando alcuni nuovi loghi. È bello fare il lancio qui in Australia, e così a ridosso del primo weekend di gara."


 
Dopo aver smesso i panni di pilota ufficiale Aprilia a fine 2015, Leon Haslam si è concesso solo qualche fugace apparizione nel Mondiale Superbike negli ultimi 3 anni, ma ora, dopo il successo in BSB dello scorso anno con la ZX-10RR, e pronto di tornare a lottare nel campionato del mondo "a tempo pieno":

"Far parte di un team così professionale e vedere la casa stessa e Kawasaki Australia mettere in piedi uno spettacolo così grande è semplicemente fantastico. Ci sono di grande supporto e io ora voglio solo iniziare a fare sul serio."

"Il lancio del team e tutto ciò che circonda questo evento sono belle cose, ma in questo momento voglio solo ritornare in pista per guidare ancora la nuova moto."

Il Team Manager Guim Roda, dal canto suo, non ha potuto che ribadire le grandi ambizioni di quello che resta il team di riferimento per tutto il Mondiale Superbike:

"L'anno scorso abbiamo affrontato la sfida di un nuovo regolamento tecnico che, a nostro avviso, mirava a contenere le nostre prestazioni. Nonostante ciò, siamo riusciti a vincere i titoli mondiali di piloti, costruttori e squadre in una stagione di grande successo. Quest'anno queste regole ci saranno ancora, ma siamo preparati."



"Abbiamo una moto con un nuovo motore e abbiamo rafforzato le nostre risorse tecniche e umane. E accogliamo anche un nuovo pilota come Leon Haslam che ci ha fatto grandi cose nei test invernali. Pensiamo formerà una grande coppia con Jonathan Rea, pilota che ci ha dato tanto sotto tutti i punti di vista."

"Nel team pensiamo che i piloti siano la "punta di diamante" del nostro impegno: vogliamo dar loro le "armi" migliori perché, una volta spente le luci, sarà tutto nelle loro mani. Sono loro i "maghi" che rendono possibili i nostri sogni. Insieme a loro, faremo tutti del nostro meglio."

  • shares
  • +1
  • Mail