ASBK: Troy Bayliss correrà con il numero 32

Il suo "storico" 21 sarà indossato da Josh Waters, per cui Troy ha deciso che disputerà la stagione 2019 dell'ASBK con il 32: un numero che in passato gli ha portato parecchia fortuna, proprio in un campionato nazionale

Dopo anni passati a correre (e vincere) con il 21 sulla carena, Troy Bayliss è stato costretto a rinunciare al suo numero preferito: nel 2019, infatti, lo storico portafortuna con cui ha conquistato ben tre titoli mondiali in WSBK sarà assegnato ad un altro pilota. A indossare il 21 nell'Australian Superbike sarà il rivale Josh Waters, che dopo aver disputato la scorsa stagione con l'1 da campione in carica ha deciso di riprendersi la sua vecchia tabella identificativa.

Troy, che correrà questo Campionato ASBK ancora con la Panigale bicilndrica, non sembra essersi perso d'animo: si è semplicemente scelto un altro numero, un po' come quando, arrivato in MotoGP nel 2003, decise di correre con il 12 lasciando il 21 all'americano John Hopkins.

Quest'anno Bayliss ha quindi optato per il 32, numero che molti anni fa gli ha portato parecchia fortuna: proprio con queste due cifre l'australiano debuttò, nel lontano 1998, nel British Superbike, il Campionato britannico delle derivate di serie. La moto era ovviamente una Ducati, quella 996 del team GSE che l'anno successivo gli avrebbe consegnato il suo primo e unico titolo nazionale nel BSB: un risultato che nel 2000 che gli avrebbe aperto le porte del Mondiale e dello squadrone ufficiale di Borgo Panigale.

E se il 32 fosse il numero giusto per conquistare, all'età di 50 anni, la corona di Re d'Australia?

  • shares
  • +1
  • Mail