Motocross delle Nazioni: Italia squalificata dal torneo!

"Ho vissuto il Motocross delle Nazioni insieme a questi nostri straordinari atleti che hanno dimostrato il loro valore sul campo. - ha dichiarato Giovanni Copioli, Presidente FMI - Insieme a tutti gli uomini della spedizione abbiamo dimostrato un esemplare spirito di squadra che è stato sotto gli occhi di tutti.

Motocross delle Nazioni

La notizia emerge solo adesso ma le verifiche tecniche si riferiscono alla scorsa edizione del Motocross delle Nazioni risalente ad ottobre 2018. E così, analizzati i campioni di benzina dalle moto di alcuni piloti, come previsto dal regolamento, sono venuti a galla valori non conformi sulla moto di un pilota italiano. La conseguenza? Tutti i nostri piloti sono stati squalificati dalla competizione.

Nello specifico, i valori non conformi sono stati riscontrati nel campione di benzina prelevato dalla moto di Michele Cervellin: una delle ventisette componenti analizzate ha fatto registrare un valore superiore al limite consentito. La FMI ha subito richiesto una ulteriore analisi senza ottenere, però, grandi successi. La squalifica è stata confermata e, addirittura, estesa a tutta la squadra italiana. Il risultato è che, il secondo posto ottenuto dall'Italia nel trofeo, andrà all'Olanda.


"Ho vissuto il Motocross delle Nazioni insieme a questi nostri straordinari atleti che hanno dimostrato il loro valore sul campo. - ha dichiarato Giovanni Copioli, Presidente FMI - Insieme a tutti gli uomini della spedizione abbiamo dimostrato un esemplare spirito di squadra che è stato sotto gli occhi di tutti.  Con lo stesso spirito di unità, accettiamo questa sentenza consapevoli che si è trattato di una penalizzazione dovuta ad un particolare tecnico. Siamo dispiaciuti certo, ma voglio ribadire il sostegno della Federazione Italiana a Michele Cervellin che ci ha regalato sul campo emozioni così forti. Pronti a riprovarci ancora più motivati, già alla prossima edizione del Motocross delle Nazioni in Olanda”

Tutto ciò non va a togliere merito agli atleti italiani che hanno preso parte al torneo in buona fede e, a testimonianza di questo, la verifica passata senza problemi dal campione prelevato dalla moto di Antonio Cairoli, sorteggiato, come Cervellin, per le verifiche di routine.

  • shares
  • +1
  • Mail