Ducati: vendite 2018 in calo, ma la V4 fa il botto!

La casa bolognese ha annunciato i risultati aziendali dello scorso anno, che l'ha vista conquistare il primato mondiale tra le supersportive.

Ducati Motor Holding ha rilasciato un comunicato con cui ha ufficializzato i risultati aziendali relativi al 2018, anno che l'ha vista consegnare 53.004 moto in tutto il mondo facendo così registrare un -5% rispetto al 2017, quando riuscì a vendere 55.871 moto a livello globale.

La casa di Borgo Panigale, nonostante il calo, si mantiene però al di sopra della "soglia psicologica" delle 50.000 unità vendute per il quarto anno consecutivo - un traguardo raggiunto la prima volta solo nel 2015 - e, soprattutto, si rafforza sensibilmente nei remunerativi mercati "di fascia alta", trascinata dai risultati di Panigale e Multistarada.


Ducati ha sottolineato in particolar modo proprio la crescita della famiglia di prodotti Panigale, che con 9.700 modelli venduti ha registrato un roboante +70% rispetto al 2017, risultato che le ha permesso di conquistare per la prima volta nella storia il primato assoluto delle vendite mondiali nel segmento delle supersportive, con una quota di mercato di oltre il 26%. In pratica, una supersportiva su 4 venduta nel mondo è stata proprio una Panigale.

All'interno della gamma Panigale, a distinguersi è stata ovviamente l'attesissima V4, "storica" prima Ducati di serie spinta da un motore quattro cilindri, che in soli 12 mesi ha registrato oltre 6.100 unità consegnate a livello globale (e a cui, nel 2019, si affiancherà anche la strepitosa versione "R").

Buoni risultati anche per la famiglia Multistrada, che nel 2018 ha totalizzato 11.829 moto vendute. A livello di singoli modelli, spicca il risultato della Multistrada 1260, che ha fatto registrare un +25% sul 2017 grazie a un totale si 6.569 moto vendute nello scorso anno.

Per quanto riguarda i singoli mercati nazionali, in Europa si è registrata l'importante crescita del +4,5% in Italia, che così ritorna ad essere il primo mercato a livello mondiale per Ducati con un totale di 9.200 unità nello scorso anno. Risultati significativi anche nella passionale Spagna, che ha accolto 2.444 moto (+8%), e in Giappone, patria dei principali competitors, dove si è registrato un +2% con 1.941 unità.

Negli Stati Uniti, mercato storicamente importantissimo per Ducati, le consegne sono state pari a 7.843 moto, con un calo in linea con la flessione del mercato oltre 500 cm3, sceso di circa il 9%. Nei mercati asiatici, fortunatamente, è continuato il trend positivo dei precedenti anni. Particolarmente significativa la crescita della Cina, un eccellente +29% che ha beneficiato del potenziamento della rete vendita, passato da 19 a 23 concessionari.

Claudio Domenicali, Amministratore Delegato di Ducati Motor Holding, ha così commentato questi dati a nome della casa bolognese (appartenente al gruppo Volkswagen tramite Audi):

"Malgrado il 2018 sia stato un anno impegnativo e difficile per il mercato delle moto di grossa cilindrata, con un rallentamento in paesi per noi importanti come gli Stati Uniti, Ducati chiude con oltre 53.000 moto consegnate ai clienti in tutto il mondo, consolidando la crescita ottenuta negli ultimi anni."

"Il 2018 è stato un anno in cui ci siamo stabilizzati, positivo quindi sia dal punto di vista commerciale sia sportivo. Abbiamo vinto tante gare in MotoGP e sviluppato una moto straordinaria. Si conferma quindi la solidità dell’azienda e questo ci permette di continuare a lavorare con determinazione sull’innovazione e sullo sviluppo dei prodotti, per offrire ai nostri appassionati clienti, anche nei prossimi anni, nuove icone di stile e tecnologia."

  • shares
  • +1
  • Mail