SBK, Rea e Haslam "entusiasti" di tornare in pista

Il rinnovato Kawasaki Racing Team è prontissimo per la due-giorni di test ufficiali Superbike a Jerez de La Frontera, primo impegno del 2019

La lunga pausa invernale del Mondiale Superbike è ormai agli sgoccioli visto che domani avrà inizio la "due-giorni" di test a Jerez de Frontera, in Spagna, primo impegno ufficiale del 2019, e tutti gli occhi saranno ovviamente puntati sullo squadrone dominatore delle ultime edizioni, il Kawasaki Racing Team, che quest'anno schiererà il 4-volte-iridato Jonathan Rea insieme al neo-acquisto e campione BSB in carica Leon Haslam, al rientro nel Mondiale.
 
Nei precedenti due test "post-season" di fine 2018, al Motorland Aragon e sempre a Jerez poi, avevano già fornito importanti conferme sul livello di competitività della più recente Ninja ZX-10RR, già con un propulsore aggiornato e di cilindrata leggermente più elevata rispetto alla moto 2018, ma il team dovrà comunque verificare la bontà del lavoro svolto in inverno in base alle scelte operate lo scorso anno.
 

Anche quest'anno, e sin da questo primo test, Jonathan Rea, resta l'uomo da battere. Il binomio formato dal Campione del Mondo con Kawasaki ha finora frantumato senza pietà tutta la concorrenza e i record disponibili, e l'obiettivo di quest'anno, ovviamente, sarà la conquista del quinto titolo.

Anche per questo, il titolato 31enne nord-irlandese non vedo l'ora di ricominciare il lavoro in pista:

"Sono davvero entusiasta di rivedere la mia squadra e tutti gli altri ragazzi. Ho fatto un 'training camp' a Barcellona la scorsa settimana e quindi ne ho già visti parecchi, ma questa sarà la prima volta che ci riuniremo tutti insieme. Speriamo di poter riprendere le cose da dove le avevamo lasciate con l'ultimo test."

" Per me è stato un lungo inverno ma, dopo così tanto tempo a casa, ora mi sento riposato e ricaricato!"

"Ci aspettiamo di trovare nuovi materiali da provare per mettere insieme il nostro "pacchetto base" di inizio anno. I test fatti alla fine dello scorso anno consistevano principalmente nel collaudare pezzi diversi, ora possiamo finalmente mettere tutti insieme e iniziare a lavorare sulle prestazioni. Sono entusiasta perché a Jerez siamo stati veloci già a Novembre, spero solo che ci sia bel tempo."

Grande attesa, inevitabilmente, anche per Leon Haslam, che in molti aspettano al varco per capire se sarà in grado di rappresentare una seria minaccia per il compagno di box. Il 35enne inglese, dopo una stagione davvero esaltante nei confini nazionali, spera di iniziare subito il suo 2019 "con il piede giusto":

"Per me è stato un inverno breve perché mi sono fatto operare per togliere delle viti dalla caviglia. Poi ho fatto due settimane di allenamento a Barcellona, ​​con il Supermotard, con il flat-track e molto altro ancora, ma adesso voglio solo tornare di nuovo in pista a Jerez."

"Questi test saranno importanti per me, più giri riuscirò a fare e meglio sarà per me. Familiarizzare con la moto e capire come sfruttarla, in termini di stile di guida ed elettronica, sarà fondamentale, ma andremo anche ad analizzare qualche aspetto che non siamo riusciti a valutare nei test precedenti."

" Sembra che il meteo sarà buono per i giorni del test e ci saranno anche tutti i nostri avversari, quindi sarà un momento-chiave per capire a che punto siamo e cosa dobbiamo migliorare".

Dopo la "due-giorni" di Jerez de La Frontera, il Kawasaki Racing Team e alcuni altri team si trasferiranno rapidamente a Portimao, in Portogallo, dove è in programma la successiva "due giorni" di collaudi per il 27 e il 28 Gennaio.


 

  • shares
  • +1
  • Mail