MotoGP Valencia pagelle: DesmoDovi, “motonauta” più forte del diluvio

Le pagelle dell'ultimo GP della stagione 2018 di Massimo Falcioni.

MotoGP Valencia pagelle: DesmoDovi, “motonauta” più forte del diluvio

La gara: voto 9-. Corsa condizionata dalla pioggia battente. Giove Pluvio fa e disfa a proprio piacimento costringendo a spezzare in due l’ultimo round del mondiale 2018. Il diluvio allaga la pista provocando colpi di scena e “vittime eccellenti” con una decina di capitomboli ma non ferma la cavalcata trionfale dell’anfibio Dovizioso sulla sua Rossa frangi flutti, qui di nuovo prima dopo 10 anni (Stoner). La corsa bagnata premia e punisce facendo saltare birilli e pronostici ma fa parte del motociclismo ed è tecnicamente “valida” e di “valore”. Race Direction ancora “in barca”, travolta dal maltempo (previsto). Chiusa la stagione 2018 - avvincente ma non senza ombre - martedì con i primi test (a Valencia) si apre la stagione 2019. Noi di Motoblog continuiamo a stare sul pezzo. “Dentro” ma… “fuori”. Da una sola parte, quella dei nostri lettori. Come sempre, sempre meglio.

Dovizioso: voto 10+. Capolavoro del Dovi lucido, di gran cuore, mai domo. E capolavoro tattico Ducati (voto 10+) capace di interpretare al meglio l’evolversi degli aventi con le modifiche tecniche nella pausa fra i due round e il (decisivo) cambio gomme. La 4° vittoria stagionale a chiusura di stagione (Dovi aveva vinto anche la gara d’apertura) è il degno coronamento del salto di qualità del binomio italiano, il miglior messaggio per il 2019. DesmoDovi, l’anti Marquez number one?

MotoGP Valencia pagelle: DesmoDovi, “motonauta” più forte del diluvio

Rins: voto 9+. Il pilota della Suzuki (9+) conferma una crescita tecnico-agonistica che lo condurrà presto ancora più avanti, sul primo gradino del podio. Pilota e moto da encomio per essere oramai da “prima fila”. Quando il primo fra i primi?

Espargaro P.: voto 9. La storia si fa anche così con Pol che regala alla KTM (voto 10) il suo primo podio in MotoGP. E’ una delle grandi “sorprese” della giornata. C’erano dubbi?

Pirro: voto 8+. Stavolta la medaglia di legno brilla come l’oro, soprattutto per il braccio di ferro (vinto) con un signor pilota qual è Pedrosa. Non poco, per un tester. 2019 con sorpresa?

Pedrosa: voto 10. Ultimo round, mondiale addio! Dopo 18 anni di corse e tre mondiali vinti (manca la ciliegina dorata MotoGP), a 33 anni il piccolo-gigante buono saluta la compagnia con un 5° posto. Il motomondiale perde un “signore”. La Ktm trova la “molla” vincente?

Lorenzo: voto 5-. Il polso dolorante e il… diluvio battente inducono il maiorchino a una condotta di gara spenta. Peccato chiudere l’avventura sulla Rossa in sordina. Domani è un altro giorno. Per Jorge, nuovi orizzonti, nuovi trionfi?

MotoGP Valencia pagelle: DesmoDovi, “motonauta” più forte del diluvio

Rossi: voto 7-. Scatta dalla casella N° 16 e via via infila tutti fino ad andare in testa. 9 sorpassi in un giro! La rimonta-show illude. La bandiera rossa manda tutti al box. Senza “red flag” (visti i tempi su giro) ci sarebbe stato il “colpaccio” della vittoria. Poi, nel 2° round, al 10° giro, il tuffo nel ghiaione. Addio podio. Chi sbaglia paga. L’onore è salvo. L’assalto al titolo N° 10 vale anche per il 2019?

Marquez: voto 5-. Da gran favorito a grande sconfitto. Va (di nuovo) a terra pagando così l’azzardo della gomma media al posteriore. Ciò nulla toglie al valore e alla stagione radiosa del fenomeno della Honda (voto 10). E’ lui l’uomo da battere anche nel 2019! Chi lo ferma?

Petrucci: voto 6-. Cade nel round N°1 quando viaggiava quinto in gran recupero. Finisce nel fango la possibilità di riscatto. Adesso voltare pagina e guardare avanti. 2019 decisivo?

MotoGP Valencia pagelle: DesmoDovi, “motonauta” più forte del diluvio.

Morbidelli: voto 7+. Come tanti finisce sul ghiaione. Ma sulla tuta scrive: “Rookie of the year”. Non è un titolo mondiale. E’ un titolo … d’onore. Una forte spinta per il 2019?

Can Oncu: voto 10 e lode. Magistrale e storico trionfo in Moto3 del debuttante (prima gara mondiale!) 15enne turco Can Oncu. In 70 anni di Motomondiale è lui il più giovane vincitore di sempre! Giù il cappello! Il motociclismo che ci piace, capace di stupire ed emozionare. Il futuro è già oggi?

Guidotti Francesco: voto 10. Il Team manager di Miller – l’uomo della pioggia che attacca “Dovevano fermare la gara” dopo la caduta – sbotta: “Facile mugugnare quando si è perso tutto: perché non ha chiesto la bandiera rossa quando era ancora in sella? Si decida: o fa il sindacalista o il pilota”. Una frecciata che va oltre Miller?

MotoGP Valencia pagelle: DesmoDovi, “motonauta” più forte del diluvio.

  • shares
  • Mail