Schwantz: "Gran duello Marquez-Lorenzo nel 2019!"

L'ex-iridato dice la sua sulla "super-coppia" Honda per la MotoGP dell'anno prossimo: "Lorenzo troverà il modo di essere competitivo"

Come sarà la convivenza tra Marc Marquez e Jorge Lorenzo nel team Honda Repsol del 2019? Questa domanda, inevitabilmente, è una di quelle che circolano con maggior frequenza nel paddock della MotoGP sin da quando il team ufficiale del colosso nipponico ha annunciato l'ingaggio dell'asso maiorchino, in arrivo da Ducati, vero "colpaccio" dell'ultimo mercato piloti.

Affiancare un pilota del rango e della personalità di Lorenzo al Campione del Mondo, incontrastato ed indisturbato "numero 1" del team quando affiancato dal ben più mansueto Dani Pedrosa, è sembrato a molti un azzardo da parte di Honda in vista dei possibili attriti tra i due piloti, entrambi dotati di un forte ego e certamente intenzionati a puntare "senza mezzi termini" al titolo 2019.

MotoGP, Barcellona: pagelle. Jorge il “martello” rilancia la Rossa verso il titolo mondiale.

Tuttavia, d'altra canto, gli amanti della MotoGP sono anche impazienti di gustarsi una grande "lotta intestina" fra i due assi spagnoli, piloti caratterizzati da stili di guida molto diversi che si troveranno presto a misurarsi "testa-a-testa" sulla stessa moto.

Anche l'ex-iridato della 500 e "Leggenda della MotoGP" Kevin Schwantz figura tra coloro che non vedono l'ora di assaporare il duello tra Marquez e Lorenzo in chiave iridata, come da lui ribadito in recenti alcune dichiarazioni rilasciate al sito ufficiale del Motomondiale:

"Penso che l'anno prossimo ci sarà grande competizione tra quei due ragazzi, oltre che con le altre case. Sarà fantastico per Honda avere in squadra due piloti così, uno con uno stile estremamente pulito (Lorenzo) e l'altro con uno stile tra i più spettacolari da guardare (Marquez). Dovrebbero riuscire ha regalarci grandi battaglie, entrambi hanno vinto tante gare e tanti campionati..."

Schwantz non esclude che Lorenzo possa avere dei problemi iniziali di adattamento alla Honda RV213V, ma si dice anche convinto che il maiorchino riuscirà eventualmente a superarli:

"Penso che gli servirà un po' di tempo [per adattarsi alla Honda], proprio come è successo in Ducati. Penso che lui abbia un certo modo di guidare la moto, ha uno stile che non è tra i più spettacolari, ma che è in grado di ottenere risultati."

"Magari all'inizio, quando correrà con la Honda, non sarà niente di speciale e si ritroverà in mezzo al gruppo, ma sono sicuro che, una volta che avrà capito la moto e riuscirà a trovarsi a suo agio con essa, magari dopo la fine dei test e prima dell'inizio stagione, inizierà a risalire la china. Credo che comunque. alla fine, Lorenzo riuscirà a trovare il modo di essere competitivo anche sulla Honda, esattamente come ha fatto con Ducati."

Per quanto riguarda i rapporti tra i due pluri-iridati spagnoli nel box di Honda Repsol, Schwantz prevede però delle frizioni che non consentiranno a questa già chiacchieratissima convivenza di durare a lungo:

"Tuttavia, penso che alla fine uno dei due arriverà al punto di dire "ora basta, ne ho abbastanza di questa cosa!" e se ne andrà da un'altra parte. L'anno prossimo Alberto [Puig, Team Principal di Honda Repsol] avrà sicuramente molto lavoro da fare [ride divertito]!"

Sound of Suzuka Schwantz

  • shares
  • Mail