GIVI copiata: azienda cinese espone in fiera bauletti "copia incolla"

All'EICMA la Guardia di Finanza in azione per la violazione dei diritti di illecita produzione da parte di una azienda cinese. Design e brevetto di chiusura palesemente copiati.


Ancora una volta il noto marchio italiano che offre sul mercato i bauletti aftermarket di moto e scooter è stato oggetto di una spudorata azione “copia incolla” da parte di una azienda cinese. Non è la prima volta che accade qualcosa di simile e pensare che una azienda possa spendere fior fior di quattrini in tecnologia ed innovazione per poi trovarsi con i soliti furbetti che in barba alle regole internazionali se ne appropriano, non è certo incoraggiante.

In occasione della recentissima fiera di EICMA 2018, gli uomini GIVI non hanno dovuto perdere molto tempo per rendersi conto della violazione dei diritti di illecita produzione visto che i bauletti esposti nello stand cinese (ed inoltre ben descritti sui cataloghi distribuiti in fiera), violavano palesemente i diritti di proprietà industriale riguardo al design, davvero sfacciatamente copiato, ma anche i diritti di brevetto (registrato anche in Cina) riguardante il metodo di chiusura dei bauletti stessi.

Insomma, vecchia storia, ma sempre attuale. Ecco quindi la Guardia di Finanza in azione per il sequestro degli articoli esposti e azione legale già partita; a quanto pare questo “vizietto” è proprio duro a morire…

  • shares
  • Mail