EICMA 2018: Kawasaki Z400 2019

La casa di Akashi svela a Milano la sua nuova "naked" di media cilindrata, più leggera e più potente della Z300 che va a sostituire


Kawasaki ha scelto la cornice del Salone EICMA 2018 di Milano per presentare la sua nuova Z400, leggera e grintosa naked di cilindrata medio-piccola che si appresta a sostituire la Z300 (clicca qui per la nostra prova) nella gamma di Akashi con l'obiettivo di aggredire uno dei segmenti attualmente più remunerativi del mercato.

Caratterizzata da un design fedele ai dettami del linguaggio estetico "Sugomi" - che ormai da anni "ispira" le "Z" più grintose - questa Z400 ostenta un look aggressivo che vanta tra i suoi tratti maggiormente distintivi i gruppi ottici full LED a entrambe le estremità, il compatto e filante serbatoio da 14 litri e gli accattivanti cerchi a 5 razze dal disegno esclusivo.

Il motore è un bicilindrico parallelo da 399 cc con frizione anti-saltellamento che il costruttore giapponese descrive come "reattivo e amichevole" oltre che più leggero e potente del suo predecessore. I dati di uscita dichiarati dalla casa sono una potenza di 45 CV a 10.000 giri/min e un picco di coppia di 38 Nm a 8.000 giri/min.

Il telaio a traliccio ricorda quello della possente Ninja H2 e promette di assecondare il carattere del propulsore in termini di maneggevolezza e prevedibilità. Queste qualità, in combinazione con l'estetica tagliente, l'azzeccata ergonomia e il peso ridotto (167kg "a secco", 3kg in meno della Z300), renderanno il modello particolarmente appetibile ai possessori di patente A2, il suo target principale dichiarato.

Gli altri elementi della ciclistica comprendono la forcella telescopica tradizionale da 41mm (era da 37mm sulla Z300), e un impianto frenate con ABS Nissin che all'anteriore annovera una pinza Nissin a 2 pistoncini accoppiata a un disco flottante da 310mm e dietro un disco posteriore da 220mm. Tutti i dischi sono quindi cresciuti in diametro rispetto alle soluzioni previste dalla Z300.

L'altezza sella è di 785mm ma la sella stessa è di 30mm più stretta rispetto a quella del modello che andrà a sostituire, a confermare il suo carattere "user-friendly". Altro punto di forza del modello, inoltre, è rappresentato dall'avanzata strumentazione, che comprende il tachimetro digitale e l'indicatore di marcia.

La nuova Z400 è quindi il settimo modello ad andare ad "ingrassare le fila" dell'apprezzata "Serie Z" di Kawasaki e sarà probabilmente una delle protagoniste del mercato del prossimo anno. Due le colorazioni inizialmente previste, "Candy Lime Green/Metallic Spark Black" e "Candy Cardinal Red/Metallic Flat Spark Black" mentre il prezzo sarà reso noto nelle prossime settimane.

  • shares
  • Mail