Lorenzo "non al 100%" a Sepang

L'asso spagnolo si prepara a tornare in sella alla sua Ducati Desmosedici in Malesia per la penultima gara del Mondiale MotoGP 2018

Jorge Lorenzo (Ducati Team) si appresta a tornare in sella alla sua Desmosedici GP questo weekend per l'atteso GP di Malesia, 18° e penultimo appuntamento del Mondiale MotoGP 2018 (clicca qui per orari e copertura televisiva).

Lo spagnolo è reduce dall'incidente nelle libere del GP del Thailandia nel quale si è procurato la lesione dei legamenti del polso sinistro, per il quale è stato poi costretto a saltare per infortunio gli ultimi due round di Motegi e Phillip Island, ed ora punta a far bene nelle due gare restanti (Sepang e Valencia) per finire nel migliore dei modi la sua ultima stagione in Ducati.

Volato subito in Spagna dopo l'incidente del Chang International Circuit, l'asso maiorchino era stato operato immediatamente a Barcellona dall'equipe del 'solito' chirurgo spagnolo Xavier Mir, provando poi a tornare già in pista per il GP del Giappone prima di arrendersi al dolore.

Dopo essere stato sostituito da Alvaro Bautista a Phillip Island - con il connazionale alla fine ottimo 4° al traguardo - Lorenzo proverà quindi a tornare in pista in Malesia ma, se le sue condizioni dovessero impedirgli di correre, sarà pronto a sostituirlo il test-rider ufficiale di Ducati Michele Pirro.

Il Bello e il Brutto del GP d’Italia 2018: le valutazioni di Mario Lega

Jorge Lorenzo ha così illustrato la sua situazione alla vigilia dell'appuntamento con il tracciato di Sepang, uno dei pochi in calendario su cui non ha mai vinto in MotoGP:

“Sono passati solo otto giorni da quando sono stato operato al legamento del polso sinistro, ma mi sento un po’ meglio. Certo che l’intervento è ancora molto recente e quindi dovremo aspettare quando salirò in moto per capire come risponderà il polso e se avrò ancora molto dolore quando guido."

"Giovedì mi farò visitare dai medici del circuito per valutare le mie condizioni e spero di poter correre anche se non sarò al 100%. Non sono stato in grado di allenarmi per diversi giorni e il circuito di Sepang è molto impegnativo, e quindi questo non è sicuramente lo scenario migliore per tornare in pista.”

  • shares
  • +1
  • Mail