Magni 750S Tributo: novità con il motore MV Agusta

Motore 800 a tre cilindri della Brutale per la Magni 750S Tributo, ispirata alla mitica MV Agusta 750S degli anni '70.

Magni 750S Tributo


La Magni 750S Tributo è l'ultima novità di Giovanni Magni, equipaggiata con lo stesso motore a tre cilindri della MV Agusta Brutale 800. Esteticamente, è riconoscibile per lo stile ispirato alla MV Agusta 750S prodotta dal 1971 al 1975, considerato il modello più iconico del costruttore motociclistico italiano, nonché il più ricercato da parte dei collezionisti.

Oltre al suddetto propulsore, anche la componentistica della Magni 750S Tributo è di prim'ordine e fornitura italiana, a partire dal telaio tubolare a doppia culla aperta in tubi di acciaio. Questo modello è dotato anche di impianto frenante Brembo, con il freno a disco anteriore flottante da 320 millimetri completo di pinza a quattro pistoncini e il freno a disco posteriore da 230 millimetri completo di pinza a due pistoncini.

Lo specifico reparto sospensioni della Magni 750S Tributo, messo a punto da Oram, prevede il forcellone posteriore bibraccio con gli ammortizzatori pluriregolabili e la forcella anteriore a steli da 43 millimetri con le regolazioni idrauliche in estensione e compressione, oltre che nel precarico delle molle. La piastra di sterzo in lega di alluminio, invece, è ricavata dal pieno con lavorazione in CNC.

Tra le caratteristiche della Magni 750S Tributo figurano anche i cerchi in lega a raggi inox Jonich Wheels da 18 pollici con gli pneumatici tubeless Metzeler Racetec RR K1, le manopole di gomma in stile anni '70 di Ariete Sandro Mentasti, la leva della frizione e la pompa del freno anteriore di Discacciati.

  • shares
  • +1
  • Mail