Pirelli Qatar Round: ultima tappa del Campionato WSBK

Pirelli è pronta per affrontare l’ultimo round del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike che si svolgerà in Qatar questo weekend.

Pirelli è pronta per affrontare l’ultimo round della stagione 2018 del Campionato Mondiale MOTUL FIM Superbike che si svolgerà in Qatar a partire dal prossimo Giovedì e fino a Sabato 27 ottobre, con le gare che eccezionalmente si svolgeranno nelle giornate di Venerdì e Sabato.
Inoltre tutti i riflettori saranno puntati sulla classe 600, unica categoria a non aver ancora assegnato il titolo iridato dove a contendersi l'alloro mondiale saranno il francese Jules Cluzel e il tedesco Sandro Cortese, entrambi in sella a Yamaha YZF-R6.
In qualità poi di Event Main Sponsor dell’ultimo round, il Pirelli Qatar Round, la casa della P lunga porta nuovamente in scena i pneumatici in misura maggiorata sia per l’anteriore che per il posteriore, che si affiancheranno ad altre soluzioni standard.

Il Losail International Circuit, inaugurato nel 2004 è uno delle poche piste al mondo che offre la possibilità di gareggiare in notturna grazie al perfetto impianto di illuminazione.
Tuttavia da quando è stato inaugurato, il circuito non è mai stato riasfaltato e quindi offre una superficie molto consumata che richiede pneumatici con un buon grip, capaci di compensare quello perso nel corso degli anni dall’asfalto. Gli pneumatici devono assicurare un buon compromesso tra la stabilità dell’avantreno durante le brusche ed impegnative frenate e un buon livello di trazione soprattutto sul posteriore, in modo da impostare correttamente le traiettorie nelle curve veloci.
Lo pneumatico anteriore deve essere in grado di assorbire l’elevata potenza accumulata durante la frenata e contemporaneamente contrastare il rischio elevato di uno schiacciamento, mentre per il posteriore bisogna optare per una mescola morbida, capace di improntare in modo efficace il manto stradale e fornire contemporaneamente un’adeguata trazione.

Per l’ultimo round stagionale Pirelli porta in Qatar un totale di 2199 pneumatici per far fronte alla necessità delle classi WorldSBK e WorldSSP600.
Per la WSBK i piloti avranno a disposizione tre soluzioni anteriori e altrettante posteriori oltre all’opzione supersoft da qualifica, disponibile sia in misura standard 200/60 sia in misura maggiorata 200/65, che potrà essere utilizzata dai piloti nella seconda sessione di Superpole.
All’anteriore la SC1 di sviluppo V0952, pneumatico molto conosciuto ed apprezzato dai piloti, sarà affiancata dalla SC1 X0417 misura maggiorata 125/70 che ha debuttato nel round di Misano Adriatico e la SC2 di sviluppo X0605 introdotta a Brno in gradoi di offrire una migliore solidità e precisione con un'usura più omogenea.

Per il posteriore due soluzioni in mescola morbida e una in mescola media. Quelle in mescola morbida sono la SC0 di gamma e la SC0 di sviluppo W1002, introdotta ad Imola si presenta nell'innovativa misura 200/65 che offre un'area di contatto più ampia con conseguente migliore distribuzione degli sforzi e dovrebbe garantire un grip ancora più elevato. L’ultima opzione è costituita dalla SC1 di sviluppo X0140 introdotta ad Aragón e progettata per offrire un’elevata costanza di prestazioni e un'usura contenuta, indicata in caso il circuito dovesse presentarsi particolarmente sporco, magari nelle prime sessioni libere.

Nella WorldSSP600 le soluzioni da asciutto saranno cinque, due per l’anteriore e tre per il posteriore. All’anteriore i piloti potranno scegliere tra la SC1 di sviluppoX0012 in mescola morbida e la SC2 di sviluppo X0582, progettata per offrire un grip maggiore e un'usura più contenuta rispetto alla soluzione di gamma.
Al posteriore a disposizione ci sono la SC0 di gamma e la SC0 di sviluppo X0633, introdotta a Misano che rispetto alla soluzione di gamma dovrebbe offrire migliori resistenza e costanza di rendimento. Come terza opzione mescola la SC1 di sviluppo X0093 e progettata per garantire una elevata costanza di prestazioni e un'usura contenuta soprattutto in caso di circuito sporco.

Curiosità:

• Numero totale di pneumatici portati da Pirelli: 2808 (compresa la SS300)

• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe WorldSBK: 5 anteriori e 5 posteriori

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota WorldSBK: 34 anteriori e 28 posteriori

• Numero di soluzioni (asciutto, intermedia e bagnato) per la classe WorldSSP: 5 anteriori e 4 posteriori

• Numero di pneumatici a disposizione di ogni pilota WorldSSP: 25 anteriori e 21 posteriori

Best Lap Awards Superbike entrambi vinti da: Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team WorldSBK), in 1'57.577 (Gara 1, 2° giro) e in 1'57.061 (Gara 2, 2° giro)

Best Lap Awards Supersport vinto da: Kenan Sofuoglu (Kawasaki Puccetti Racing) in 2'01.832 al 12° giro

• Temperatura in Gara 1: aria 27° C, asfalto 30° C

• Temperatura in Gara 2: aria 29° C, asfalto 30° C

Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO Superbike in gara: 320,5 km/h, realizzata da Marco Melandri (Aruba.it Racing – Ducati) al 4° giro e da Alex Lowes(Pata Yamaha Official WorldSBK Team) al 13° giro di Gara 1

Velocità massima raggiunta dagli pneumatici Pirelli DIABLO Supercorsa in gara: 281,3 km/h, realizzata da Federico Caricasulo (GRT Yamaha Official WorldSSP Team) al 3° giro.

 

  • shares
  • +1
  • Mail