Trofeo Del Presidente, grandi emozioni a Vallelunga

E' partito un intenso periodo dedicato alle due ruote all’Autodromo di Vallelunga con tre gare in tre fine settimana consecutivi.

Vallelunga, Trofeo Del Presidente

Inizia un intenso periodo dedicato alle due ruote all’Autodromo di Vallelunga con tre gare in tre fine settimana consecutivi. Si comincia con il Trofeo Del Presidente che è la gara finale dei campionati Open organizzati dal Gentlemen’s Moto Club e dal Moto Club Spoleto, ovvero il Trofeo del Centauro, il Trofeo First Laps ed il Trofeo Centro Italia Velocità.

Le griglie del Centauro 600 e SBK vengono abbinate a quelle del TCIV Riders 600 e 1000 sfornando due gare da quattordici giri ricche di azione e colpi di scena. Nella gara della 600 vittoria per Alessio Velini con la Yamaha che con il successo intasca la vittoria nel TCIV Riders 600 2018, complici i problemi tecnici che proprio all’ultimo giro retrocedono in classifica il diretto rivale Balella al manubrio di una Honda.

Tra i piloti del Trofeo Del Centauro 600 il migliore è il toscano Mariotti su Kawasaki, l’unico a reggere il ritmo di Velini per tutta la gara. Il podio TCIV lo completano De Noni con la Yamaha e Pigliacelli con la Ducati BRT mentre il resto del podio della gara Centauro 600 è occupato dal catanese Torrisi e dal veterano Milisci entrambi su Yamaha. Peccato per l’errore alla Trincea di Yuri Noli con la Moretti, costretto a risalire dal fondo del gruppo.

Nella gara della Centauro SBK -TCIV Riders 1000 trionfo per D’Annunzio che con la sua BMW fa bottino pieno per la graduatoria del campionato del Moto Club Spoleto. Completano il podio TCIV Simone Saltarelli su Yamaha e Filippo Marino con la Kawasaki che è il nuovo campione di categoria nel 2018. Remo Castellarin, secondo assoluto, è il migliore dei piloti del Centauro SBK davanti a Cosimo Diviccaro su Bmw e Longobardi su Yamaha.

Nella gara del Trofeo del Centauro Under 500-TCIV Amatori 300 vittoria nettissima per Daniele Porretta su KTM davanti al pilota Speed Up Collin Veijer ed al romano Ambrogioni su Honda. Il podio della graduatoria TCIV lo compongono Iacobelli su Kawasaki, protagonista di un bel duello con Matteo Porretta per tutta la gara, il giovanissimo Dario Pesce su Kawasaki e la giovane Aurelia Cruciani con la Yamaha della CMT, emersa sulla distanza dopo un duro duello con la amazzone di Ladispoli Nicole Cicillini.

Quest’ultima conquista il titolo TCIV Amatori 300 2018. Ricchissima di partecipanti la gara della First Laps 600-TCIV Amatori 600 con trentasei moto al via. La caduta di Gismondi alla Cimini semina lo scompiglio nel gruppo ma tutti lo evitano. Per soccorrere il pilota a terra è però necessaria la bandiera rossa ed una nuova partenza. La nuova gara lunga otto giri è dominata dai protagonisti del TCIV Amatori 600 con Di Marco nettamente in vantaggio con la Yamaha. Alla fine è l’abruzzese a fare bottino pieno -assoluta, gara TCIV Amatori 600 e titolo di categoria- davanti al pugliese Ostuni anche lui su Yamaha ed al napoletano Salvatore Corvo con la Kawasaki.

Tra i piloti First Laps 600 2.0 -i più esperti- bella vittoria per il capitolino Travagliati su Yamaha davanti all’alvianese Federico Santi che vola con la sua Yamaha e distanzia nettamente la Yamaha di Picca, seguono poi i campani Di Murro e Limongiello. Vittoria del romano Campus su Kawasaki nella First Laps 600 per i neofiti di “leva 2018” davanti a Di Carlo e Cardinali. Tra le note di colore della gara spiccano l’undicesimo posto assoluto del capitolino Lorenzo Vella con la Yamaha, al ritorno sulla pista dove due anni fa esordì proprio con il First Laps riportando subito un infortunio sul bagnato; il sedicesimo posto assoluto della Honda di Tiziano Rosati che appena sette giorni fa, con la stessa moto, ha lottato in 600 Stock alla Salita dello Spino Moto contro l’imbattibile Davide Lignite; il ventiquattresimo posto assoluto della Honda di Marco Guidarini, pilota Fast Bikers da sempre in prima fila nella lotta contro i terribili guardrail “a ghigliottina”; il ventisettesimo posto del francese di origini albanesi Elvis Jorgo, diversamente abile che lo scorso maggio aveva gareggiato sempre a Vallelunga con la sua Yamaha nella gara Di.Di.Bridgestone Cup; il ventottesimo posto della Yamaha di Alberto Arciero, frusinate omonimo dell’ex-pilota privato italo-francese del Motomondiale 500 GP Claude Arciero; ed il trentesimo posto dell’indomita Clarissa Lanzi, unica ragazza in gara con la sua Triumph.

Vallelunga, Trofeo Del Presidente

Ben trentadue i concorrenti al traguardo a dimostrazione della grande correttezza dei concorrenti sia del First Laps che del TCIV Amatori. La gara riservata ai piloti del First Laps SBK e TCIV Amatori 1000 parte subito a razzo ma dopo tre giri bandiera rossa per un incidente occorso a Driussi. Al nuovo via il partenopeo Cantile, compagno di team di Corvo, allunga con la sua Yamaha e vince davanti alle identiche moto di Aveta e Paoletti, autore del giro più veloce. Cantile fa bottino pieno tra i piloti TCIV Amatori 1000 -il cui titolo 2018 viene vinto da Isgrò quarto assoluto su Yamaha- mentre Paoletti dimostra eccellenti qualità di pilotaggio.

Pur essendo un pilota della First Laps SBK precede facilmente il vincitore della First Laps 2.0 SBK Melina, al manubrio di una Aprilia. Dopo le gare “in società”, passiamo ai risultati delle gare Battle of the Twins e Trinacria Racing Cup. Nella prima, trionfo per Paolo Arioni con la Moretti 110 nonostante una pericolosa imbarcata alla Roma a metà gara. Secondo posto per Marco D’Amico su MDM Ducati superando in extremis, all’ultimo passaggio alla Roma, la NCR Millona di Nostini che è vincitore in BOTT Evo. Quarto assoluto Bernardi che con la sua Ducati fa il vuoto nella BOTT Hyper.

In BOTT Promo vittoria per Michele Vari, vecchio avversario di Valentino Rossi ai tempi della 125 Sport Production, per il romano quinto posto assoluto. Precede Greco che con la sua Ducatessa completa il podio della BOTT Oltre dietro gli irraggiungibili Arioni e D’Amico. Il podio della BOTT Evo lo completano Scanavino con la Rosmoto e Scala con la Black, mentre Bentivoglio con la Tractor 799 completa il podio della BOTT Promo ed il senese Leonardo Angiolini è secondo in BOTT Hyper con la sua Aprilia. Il portacolori Fast Bikers ha poi disputato anche la gara del TCIV Amatori 1000 con la medesima moto portando a termine anche questa corsa.

In Trinacria Racing Cup, animata da un agguerrito gruppo di piloti siciliani tutti al manubrio di Ducati Monster “stock block”, spicca la presenza in griglia di ben sei piloti con il cognome Mancuso, per di più non legati da alcun legame di parentela l’uno con l’altro. A vincere è uno di loro, Antonino, un passato nella Sport Production nazionale, che la spunta dopo un lungo duello con Davide La Commare che comunque si aggiudica il titolo inaugurale del campionato curato dal Moto Club Spoleto. Al terzo posto troviamo Samuele Marino, fratello di Filippo, che precede Marco Mancuso. Più staccato Danilo Mancuso che precede Cafiso, Zaffora, Granata, Massimo Mancuso ed il “Gentleman” Lauria, comunque felicissimo sotto la bandiera a scacchi nonostante il giro di distacco. Poca fortuna per Costanzo, la cui Monster si spegne al sesto giro, e per Santo Mancuso che accusa un problema tecnico nelle fasi di pre-griglia dovendo rinunciare alla corsa.

A fine giornata le seconde manche del Trofeo del Centauro SBK e 600 vengono infine combinate in una gara sprint da 6 giri. Colpo di scena a metà gara con la caduta al Tornantino di Longobardi che riparte attardato in fondo al gruppo, la sua rincorsa gli permetterà di superare solo la Yamaha 600 del nepesino Colonnelli. Dopo un dominio incontrastato Remo Castellarin si ritira a poche decine di metri dal traguardo rientrando mestamente ai box. Cosimo Diviccaro con la Bmw raccoglie prontamente il testimone e vince davanti al polivalente Ambrogioni ed a Mariotti che vince la classe 600.

Completa il podio della Centauro SBK Zaccaria con la Yamaha, mentre Torrisi e Milisci sempre su moto di Iwata completano il podio della Centauro 600. Calano così i titoli di coda sulla stagione 2018 di quasi tutti i trofei visti questo weekend a Vallelunga. Solo il Battle of The Twins deve ancora recuperare una gara, che forse sarà collocata nel contesto della famosa gara Endurance di fine stagione al Mugello. A Vallelunga però non si dorme sugli allori e ci si prepara per l’atto finale del CIV il weekend del 5-6-7 Ottobre.

N.M.B.

  • shares
  • +1
  • Mail