MotoGP: Suzuki perde i privilegi regolamentari

Lo splendido podio di Andrea Iannone nel GP di Aragon ha anche degli effetti collaterali per il team Suzuki, che perderà i privilegi regolamentari riservati alle "squadre di concessione"

Quello di Andrea Iannone nel GP di Aragon è stato il 5° podio stagionale per il team Suzuki MotoGP, oltre che il terzo firmato dal pilota di Vasto in questo 2018. Un risultato strepitoso per la casa di Hamamatsu, che però ha anche un effetto collaterale negativo: la perdita dei privilegi regolamentari riservati alle "squadre di concessione".

Il terzo posto di The Maniac porta infatti la squadra giapponese a quota 6 punti nella classifica delle concessioni tecniche, una soglia critica che esclude la GSX-RR dal regime regolamentare "speciale" che ora riguarda solo Aprilia e KTM: il vincolo sulla limitazione sul numero di test ha effetto immediato, mentre i più stretti vincoli riguardanti i propulsori (7 motori invece di 9, e non modificabili) scatta a partire dal prossimo anno. Un'ulteriore sfida per la Casa nipponica, che si prepara a concludere in crescendo una stagione che la vede attualmente al 4° posto nella classifica costruttori.

  • shares
  • Mail