Aragon, vince Marquez: "Titolo prima di Valencia"

Lo spagnolo della Honda si aggiudica il duello con Dovizioso e allunga a +72 in classifica: "L'obiettivo di oggi era di non perdere più di 9 punti."

Il Campione del Mondo della MotoGP Marc Marquez (Repsol Honda Team) è tornato alla vittoria questo pomeriggio sul tracciato "amico" del Motorland Aragon dopo essersi aggiudicato un prolungato duello con Andrea Dovizioso (Ducati Team), andando così a incrementare il vantaggio in classifica sul forlivese a quota 72 punti.

Dopo la caduta iniziale del pole man Jorge Lorenzo (Ducati Team), il GP di Aragon della "Premier Class" si è infatti rivelato un lungo "testa-a-testa" tra lo spagnolo e l'italiano, sempre tallonati dalle sorprendenti Suzuki di Andrea Iannone, alla fine terzo al traguardo, e di Alex Rins.

Il confronto tra Marquez e il "Dovi" si è surriscaldato negli ultimi giri regalando grande spettacolo al pubblico spagnolo, ma ad uscire vincitore dalla bagarre è stato alla fine l'asso della Honda, poi transitato sotto la bandiera a scacchi con 6 decimi di margine sul rivale "in rosso".

Sulla griglia di Aragon, Marquez ha operato la scelta un po' a sorpresa di montare le gomme morbide per la gara, un azzardo che ha pagato ne di cui l'asso iberico ha rivendicato la paternità:

"Prima del Warm-Up eravamo orientati a usare la dura, ma visto come sono andate le cose, inclusa la caduta, abbiamo discusso di nuovo nel box perché io volevo usare la morbida. Mi hanno dato quasi del matto, ma alla fine abbiamo fatto come volevo io e questa si è rivelata la scelta giusta."

"Ho scelto io di prendermi questo rischio con le gomme, perché le morbide le avevamo usate poco e mai di pomeriggio nei turni precedenti. Il mio piano era quello di fare una decina di giri dietro al "Dovi" e poi vedere cosa sarebbe successo. Alla fine siamo sempre stati vicini."

Quando mancano solo 5 gare al termine della stagione, il risultato odierno di Marquez rappresenta un "colpo da k.o." quasi definitivo per il campionato, e lo stesso fuoriclasse catalano di HRC non è riuscito a contenere l'euforia a fine gara:

"Ho fatto qualche conto e direi che potrei pensare a vincere il titolo prima di Valencia [ultima gara della stagione]. L'obiettivo di oggi, in realtà era quello di non perdere più di 9 punti, quindi si può dire che le cose siano andate molto bene."

"Adesso vediamo cosa succederà, io devo rimanere concentrare perché non farlo sarebbe proprio l'errore che dobbiamo evitare di commettere."

  • shares
  • Mail