Rea sbanca Portimao: "Serie di risultati incredibile"

Il nord-irlandese della Kawasaki non lascia spazio agli avversari neanche in Portogallo: "Ce l'ho messa tutta, sono soddisfatto."

Lo aveva pronosticato lui stesso alla vigilia delle prime "libere", e alla fine è stato di parola: Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) ha centrato l'ennesima "doppia-vittoria" anche a Portimao ed è ormai pronto a festeggiare il quarto titolo iridato consecutivo in Superbike nel prossimo round di Magny-Course, in programma tra 2 settimane in terra francese.

Dopo i trionfi in Gara-1 e Gara-2, il nord-irlandese della Kawasaki ha raggiunto quota 420 punti in campionato e ha in Chaz Davies (Aruba.it Ducati SBK) e Michael Van der Mark (Pata Yamaha) i suoi più immediati inseguitori, rispettivamente con 304 e 284 lunghezze. A 3 round dal termine (per un totale di 6 gare), a Rea basterà raccogliere 9 punti in Francia per assicurarsi la corona della SBK.

Naturalmente, considerando che Rea ha vinto le ultime 7 gare consecutive (12 vittorie su 20 gare il suo bilancio stagionale), per il Campione del Mondo non dovrebbe essere un problema conquistare a Magny-Cours i punti che gli serve per convincere anche la matematica della sua superiorità, ma in realtà, anche se non dovesse partecipare agli ultimi 3 round, Davies dovrebbe fare costantemente 'bottino pieno' per togliergli il titolo...

Da vincitore di Gara-1, Rea ha dovuto iniziare Gara-2 dalla 9a posizione in griglia, risalendo furiosamente posizioni sin da subito. Gli ci sono però voluti ben 11 giri per riuscire a strappare la leadership a un combattivo Chaz Davies, dopo di che si è involato imprendibile verso il traguardo precedendo nell'ordine Van der Mark e Marco Melandri (Aruba.it Ducati SBK).

Al termine della corsa domenicale, l'insaziabile fuoriclasse della Kawasaki ha così commentato la sua egemonia sul massimo campionato per "derivate dalla serie":

"La nostra striscia di risultati, adesso, è davvero incredibile! Questa è stata una gara davvero dura, perché all'inizio ho dovuto lottare molto per farmi largo. Ho fatto un'ottima partenza e mi sono trovato in una buona posizione sin da subito, poi alla curva-5 ho colto l'opportunità di passare due piloti e così mi sono ritrovato dietro a Tom [Sykes, suo compagno di squadra]."

"Tom si è dimostrato molto difficile da superare, ma alla fine sono riuscito a farlo alla curva-13 e da li mi sono gettato all'inseguimento di Chaz."

Ancora una volta, seppur acciaccato, Chaz Davies è sembrato l'unico pilota in grado di opporsi in qualche modo allo strapotere di Rea, che gli ha prontamente riconosciuto "l'onore delle armi":

"Mi ci sono voluti diversi giri per superare Chaz perché lui staccava davvero tardissimo, e la sua moto era anche molto veloce in rettilineo. Una volta passato Chaz, mi sono concentrato per fare un paio di giri "puliti" e imporre subito il mio ritmo."

"Il passo di oggi è stato un po' più lento rispetto a Gara-1 perché la temperatura è aumentata un po' e anche io ho sfruttato di più la gomma per rientrare presto nel gruppo di testa. Ce l'ho messa tutta in gara e alla fine sono riuscito a prendere 25 punti, quindi sono soddisfatto."

  • shares
  • Mail