Doping in Supersport, sospeso Anthony West

Un esame delle urine ha rivelato la presenza di una sostanza proibita dalla FIM. Nel 2012 era già stato "pizzicato" durante un controllo antidoping

Già nel 2012 aveva avuto problemi simili, quando dopo un controllo antidoping era risultato positivo alla dimetilamilammina: ora, a 6 anni di distanza, Anthony West sembra esserci ricascato. Il 37enne australiano, che corre in Supersport con una Kawasaki, è stato provvisoriamente sospeso in seguito a un esame delle urine eseguito lo scorso luglio a Misano: il test, eseguito dalla WADA a Colonia, ha rivelato la presenza di una sostanza stimolante il cui nome non è stato reso noto, ma che è vietata dal regolamento FIM.

La volta scorsa, quando era ancora un pilota di Moto2, West era stato squalificato per 18 mesi: nella nota diffusa dalla FIM, comunque, si specifica che l'australiano ha diritto di richiedere un test di verifica per scongiurare possibili errori.

  • shares
  • Mail