MiMoto sbarca a Torino con una flotta di eScooter Made in Italy

Con la strategica partnership di IrenGo, la linea del Gruppo Iren dedicata alla mobilità a zero emissioni, la start-up tutta italiana intende trasmettere la propria concezione di mobilità sostenibile a torinesi e non: rispetto per l'ambiente, Made in Italy, sicurezza stradale, condivisione ed efficienza.

La notizia è delle più fresche. Arriva a Torino la giovane e dinamica start-up di scooter sharing elettrico Made in Italy, MiMoto

Con la strategica partnership di IrenGo, la linea del Gruppo Iren dedicata alla mobilità a zero emissioni, la start-up tutta italiana intende trasmettere la propria concezione di mobilità sostenibile a torinesi e non: rispetto per l'ambiente, Made in Italy, sicurezza stradalecondivisione ed efficienza. MiMoto ha già contribuito a migliorare lo stile di vita dei cittadini milanesi, raggiungendo, in poco più di un anno, circa 30.000 utenti con una buona partecipazione di smartworker, come amano definirli i ragazzi di MiMoto, e di pubblico femminile. Il risultato? Oltre 25.000 kg di emissioni di CO2 in meno

La flotta che invaderà il capoluogo piemontese sarà composta inizialmente da 150 unità. Gli eScooter, dal peso di soli 80 kg, sono stati pensati per offrire all'utente una facilità di guida senza paragoni a tariffe vantaggiosissime; si parla di 0.99€ per l’iscrizione e una tariffa di listino di 0.23€ al minuto. Tutti gli eScooter, alimentati esclusivamente da energia green e Made in Italy, sono omologati per due passeggeri e hanno in dotazione due caschi nel bauletto. Tramite App, disponibile sia per iOS che per Android, si può localizzare lo scooter più vicino, prenotarlo e, grazie al servizio free floating, non si hanno limiti di stazioni di ricarica e chiavi. 

I tre fondatori della start-up, dopo l'esperienza milanese, hanno voluto investire anche nella città di Torino, ricoprendo tutto il centro città e includendo anche i principali luoghi di interesse: da Lingotto Fiere alle stazioni di Porta Nuova e Porta Susa, fino ad arrivare al Politecnico di Torino. Un servizio che, oltre a migliorare lo stile di vita dei cittadini delle due metropoli, migliora anche la viabilità, riducendo nettamente il traffico e, di conseguenza, i tempi di spostamento che tanto pesano oggi nelle grandi città. 

Per noi MiMoto non è solo un lavoro - hanno dichiarato Alessandro, Gianluca e Vittorio, i tre founders under 35 di MiMoto - ma una passione che stiamo portando avanti con perseveranza, consapevoli che avremo altre sfide da affrontare, ma forti dei successi ottenuti finora a Milano. Essere a Torino quindi significa per noi aver intrapreso la giusta direzione in termini di brand awareness, ma lavoriamo ogni giorno per migliorare sempre più il servizio attraverso un contatto costante e diretto con la nostra community”.


Smart e green quindi il futuro che attende i cittadini di Torino con Iren e MiMoto ad illustrare tutti i vantaggi che derivano dall'utilizzo del servizio di scooter sharing elettrico e ad offrire, proprio ai cittadini torinesi, offerte esclusive.

“A distanza di alcuni mesi dal lancio del progetto industriale destinato allo sviluppo della mobilità elettrica – ha dichiarato il Presidente di Iren, Paolo Peveraro – abbiamo scelto MiMoto come partner per l’avvio del progetto di scooter sharing elettrico. A Torino – individuata dal Gruppo come sede per l’area di business dedicata alla e-mobility – Iren potrà sfruttare al meglio le potenzialità del territorio e le competenze/realtà già esistenti. Si potrà altresì far leva su accordi di ricerca e sviluppo già avviati con gli atenei torinesi e verranno inoltre promosse azioni di natura industriale e commerciale su tutti i territori su cui è presente il Gruppo”. 


L'esperimento piemontese parte dal Politecnico, sede della conferenza stampa di lancio, e dalla collaborazione con I3P, incubatore di imprese innovative. 

  • shares
  • Mail