MotoGP, Tito Rabat: "Punto a tornare presto". Si prepara Pirro?

Il pilota spagnolo è in via di guarigione dopo l'incidente di Silverstone, ma non vuole forzare i tempi: Michele Pirro si prepara a sostituirlo sulla Ducati del team Avintia?

"Punto a tornare il prima possibile, ma farò quello che dicono i dottori. Il dolore non mi ha fatto dormire, ricordo che dopo lo schianto ho visto la mia gamba rotta a forma di esse e mi sono spaventato, perdevo molto sangue". Se l'è vista brutta il povero Tito Rabat, vittima di un bruttissimo incidente nel tanto chiacchierato week-end di Silverstone. Lo spagnolo, che nel "volo" ha rimediato una frattura multipla alla gamba destra, è stato operato d'urgenza la notte stessa dell'incidente, e ha ora iniziato il suo percorso per recuperare al 100% la piena funzionalità dell'arto.

"Voglio ringraziare i medici per il grande lavoro" ha dichiarato il pilota del team Ducati Avintia durante una conferenza stampa tenutasi ieri all'Ospedale Universitario Dexeus, dove Tito è ricoverato dalla settimana scorsa "A Silverstone abbiamo visto quanto è importante avere degli specialisti di prim'ordine che lavorano in MotoGP".

Medici che, nonostante l'ottimismo, preferiscono non sbilanciarsi troppo: la riabilitazione richiede tempo e la data del rientro è ancora incerta. "Ci vorrà tempo per far sì che recuperi, non possiamo dare delle date certe" hanno detto i dottori "Sta recuperando bene ma è impossibile, per ora, dire quando potrà tornare. Faremo il possibile e crediamo che potrà tornare in sella ad una moto anche prima che le fratture saranno del tutto guarite".

L'incertezza che circonda le condizioni di Rabat sono una specie di campanello d'allarme per Michele Pirro, collaudatore del team ufficiale di Borgo Panigale e già in passato pilota sostituivo dei titolari Ducati in MotoGP.

"Non mi dispiacerebbe correre sulla moto del team Avintia, anzi. Se ci fosse la possibilità ne sarei felice, anche se la priorità di tutti noi è ovviamente quella di rivedere Tito in sella al più presto" ha dichiarato il pilota di San Giovanni Rotondo "La sua è anche lo moto dell’anno scorso, che io conosco benissimo: ha un buon potenziale e potrei divertire. Ma la decisione spetta a Ducati".

Per il momento, però, la priorità è la gara di Misano: Pirro correrà il GP di San Marino in veste di wild card in sella a una Desmosedici del team ufficiale, su una pista che l'anno scorso ha regalato grandissime soddisfazioni a Ducati. "Tito vuole tornare il prima possibile, quindi si vedrà strada facendo. Io ora resto concentrato su Misano, dove correrò con la mia moto, per cercare di fare il miglior risultato possibile" ha proseguito Michele "Al Mugello ho avuto un incedente abbastanza importante ma sono comunque riuscito a salire subito in moto e a vedere che avevo la competitività, cosa che mi ha fatto stare più sereno anche se ho perso comunque un po’ di allenamento".

"A Misano mi aspetto di vedere come vado, visto il livello molto alto della Classe Regina. Credo che potrò sicuramente divertirmi e provare a lottare nelle prime dieci posizioni. Abbiamo un grande moto, sono orgoglioso dei nostri risultati" ha concluso l'italiano, parlando della Desmosedici che lui stesso contribuisce a sviluppare.

  • shares
  • Mail