Futuro in Superbike con Ducati per Scott Redding?

Paolo Ciabatti rivela l'interesse di Borgo Panigale per il pilota inglese: potrebbe approdare al team Barni, ma anche in British Superbike...

Con il team Aprilia Gresini che ha ufficializzato la conferma di Aleix Espargarò e l'ingaggio di Andrea Iannone per il prossimo Mondiale MotoGP, l'inglese Scott Redding si trova al momento "senza sella" in vista della stagione 2019, ma il suo futuro sportivo potrebbe prendere la via del Campionato Mondiale Superbike grazie all'interessamento diretto di Ducati.

Il destino del team ufficiale Ducati in Superbike per la prossima stagione è già stato chiarito, con il confermato Chaz Davies che accoglierà nel box Aruba il neo-acquisto Alvaro Bautista (a discapito di un amareggiato Marco Melandri), ma Redding potrebbe trovare spazio nel team Barni Racing, squadra 'satellite' della casa di Borgo Panigale che nell'ultimo paio d'anni ha raccolto risultati sorprendenti con lo spagnolo Xavi Fores.

Con la nuova Ducati V4 che si appresta a fare il suo debutto nelle competizioni il prossimo anno, la casa bolognese vuole assicurarsi di avere una presenza "forte" nel Mondiale Superbike e Redding - già alle dipendenze del team Ducati Pramac in MotoGP nel biennio 2016-2017 - sarebbe certamente un pilota veloce e "di grido" a cui affidare una delle sue fiammanti quattro cilindri.

L'indiscrezione ha preso ulteriore vigore dopo alcune dichiarazioni rilasciate da Paolo Ciabatti, Direttore Sportivo di Ducati Corse, al tedesco Motorsport-Total.com, in cui l'ipotesi non è stata affatto smentita:

"Lavoriamo a stretto contatto con il team Barni, è un team supportato dalla fabbrica proprio come lo è Pramac in MotoGP, e l'intenzione è di continuare in questo modo."

"Se avranno un pilota o due nel 2019 dipenderà dai soldi delle sponsorizzazioni che riusciranno a trovare, ma penso che fisseremo una scadenza verso metà settembre per formalizzare gli ordini di moto e motori di cui avranno bisogno il prossimo anno."

Tuttavia, quello del Mondiale Superbike non è l'unico "sbocco" eventualmente previsto da Ducati per Redding. Per il 25enne inglese ci sarebbe anche la possibilità di approdare nel seguitissimo campionato nazionale della British Superbike, un deciso arretramento di carriera per lui che però potrebbe rivelarsi molto remunerativo.

Lo stesso Ciabatti ha confermato che questa opzione è decisamente "viva" sul tavolo delle trattative:

"Siamo in stretto contatto con il team di Paul Bird. Lui è venuto anche a Silverstone e ha parlato della prossima stagione con me, Gigi [Dall'Igna] e Tim Maccabeo, il General Manager di Ducati UK. So che ha già parlato, tra gli altri, anche con Scott."

"Noi sappiamo quanto può essere veloce Scott, dopotutto ha guidato per noi per due anni, ma anche Paul deve esserne convinto al 100% di questa cosa. Ad ogni modo, tutti i piloti con cui sta parlando sono certamente degni di correre con una Ducati".

  • shares
  • Mail