Yamaha VR46 Master Camp | Day 4: si fatica ma non si molla

Il Day 4 è stata la giornata più intensa al Master Camp ma i giovani talenti non hanno mollato e sono riusciti a mettere in pratica i preziosissimi consigli dei collaboratori della VR46 Academy

Yamaha VR46 Master Camp giunto alla 5ª edizione. Cinque piloti. Day 4. Giornata divisa fra il Ranch di Tavullia e il tracciato di Misano.

Cory Ventura (16 anni) e Jackson Blackmon (17 anni) dagli USA, Eliton Kawakami (18 anni) e Bruno César (18 anni) dal Brasile e Keminth Kubo (19 anni) dalla Thailandia hanno affrontato la giornata più dura della 5ª edizione del Master Camp al VR46 Motor Ranch.  Questa volta, però, niente Flat Track. Si parte con una sessione di soft cross su un tracciato sabbioso guidati dal pilota della Moto3, Stefano Manzi, per poi dirigersi, nel pomeriggio, verso il circuito di Misano per mettere in pratica i consigli del Camp girando in pista con i piloti della VR46 Academy.

Un Day 3 che non è stato dei più leggeri per i cinque talenti di Yamaha che comunque, dopo aver ascoltato l'intervento di Manzi e aver appreso cosa bisogna e cosa non bisogna fare su un tracciato da cross, hanno messo alle spalle la stanchezza e sono saliti in sella alle loro Yamaha YZ 125. Poco tempo a disposizione, caldo asfissiante ma grandi progressi nel corso della mattinata (non per niente si parla di talenti) soprattutto per quanto riguarda il mantenimento della corretta posizione di guida e la gestione dell'equilibrio nella parte più impegnativa del tracciato.

Finita la sessione di soft cross, ecco un po' di teoria con il Gruppo Andreani. Occasione per chiarimenti a tutti i dubbi e le perplessità sul set-up delle sospensioni delle moto.

Stop con la lezione intensiva e dritti verso Misano: lì, ad attendere i cinque fortunati, i piloti della VR46 Academy e Valentino Rossi in persona. Giunge quindi il momento di mettere in pratica i consigli del Gruppo Andreani e di accantonare, almeno per un po', l'eccitazione dovuta alla presenza del Dottore.

Un breve briefing con il pilota della Moto2, Lorenzo Baldassari, e poi in pista per una sessione a tempo in sella alle Yamaha YZF-R3, seguiti a ruota da Valentino & Co. Giusto il tempo di prendere confidenza con le moto e con un vero circuito da Gran Prix e parte la "mini sparatoria" di 20 minuti con il piccolo Kawakami a far registrare il miglior tempo. Subito dietro Ventura e César.

A fine giornata, i giovani talenti, hanno avuto la possibilità di scattare qualche foto con il Dottore, concludendo nel migliore dei modi una giornata particolarmente intensa.

Yamaha VR46 Master Camp | Day 4: si fatica ma non si molla

  • shares
  • Mail