Al WDW 2018 per fare piazza pulita: beccati!

Da Milano al WDW 2018 e un probabile bottino da ben 150 mila euro: beccati da carabinieri di Riccione prima ancora che le vittime si accorgessero del furto.

A member of the French police intervention squad takes photos of the bikes that were used during the armed robbery of a jewellery store in Rueil-Malmaison, near an apartment where the four suspected armed robbers have taken refuge after a police chase, on February 19, 2014 in Noisy-le-Sec, east of Paris. The four men who have been arrested, are suspected of having attacked a jewellery store with automatic weapons in Rueil-Malmaison, west of Paris, before taking off on a motor scooter and a motorbike with around 100 000 euros worth of goods. AFP PHOTO / KENZO TRIBOUILLARD (Photo credit should read KENZO TRIBOUILLARD/AFP/Getty Images)


Come una normale famiglia in vacanza sulla riviera romagnola, un hotel prenotato a Misano e una apparente passione per le due ruote… O forse per il denaro ricavato dalla vendite delle stesse. Questa la presunta vacanza di tre uomini e una donna che nello scorso weekend hanno provato a fare il colpo dell’estate proprio in occasione del World Ducati Week 2018.


La modalità era semplice: la donna, a bordo di una Alfa Romeo Giulietta bianca, si aggirava sulla litoranea per perlustrare bar, ristoranti, pub, hotel o qualsiasi altro luogo di ritrovo frequentato da appassionati di due ruote cercando di adocchiare “merce” interessante. Gli altri membri della cosiddetta “scuderia”, alla segnalazione della donna, si recavano sul posto caricando le moto su un furgone o limitandosi a spingerle verso zone di sosta più tranquille, dopo aver forzato i blocchi. Qui, i veicoli, venivano parcheggiati con le targhe rivolte preferibilmente verso una parete, successivamente messi in moto e guidati fino alla base della “scuderia”. Giunti lì venivano probabilmente smontati per poi venderne i pezzi anche online o, addirittura, per intero rivolgendosi al mercato estero.




I carabinieri di Riccione, in seguito alle segnalazioni ricevute durante i weekend di SuperBike, erano già in allerta e quella Giulietta bianca era stata notata un po’ da tutti i cittadini. L’ultima segnalazione riguardava proprio quell’auto che seguiva, come se dovesse scortarlo, un motociclista in sella ad una Ducati 1199 Panigale; i militari, ovviamente in borghese, hanno deciso di intervenire riuscendo a beccare la donna e due uomini nel parcheggio di un hotel. La moto era visibilmente manomessa: bloccasterzo forzato e fili penzolanti dalla scocca.




Proprio mentre i carabinieri stavano perquisendo la vettura fermata, ecco apparire il quarto membro della "scuderia": l’uomo si aggirava nel parcheggio con una semplice ma efficacissima centralina in grado di mettere in moto qualsiasi mezzo, bypassando anche i più moderni sistemi di sicurezza. I primi tre sono stati arrestati per furto aggravato in flagranza di reato mentre, il quarto, è stato denunciato per ricettazione perché si è scoperto, in un secondo momento, che le moto sulla quale stava eseguendo i suoi tentativi erano già state rubate e portate in quel parcheggio per poi essere trasportate alla base e procedere così alla vendita.


Fra le vittime dei furti non solo Ducatisti ma anche anche proprietari di Bmw, Honda, Kawasaki e Yamaha provenienti da mezza Europa. Cinque dei dieci proprietari delle moto trafugate non si erano ancora accorti del furto: i militari le hanno consegnate la mattina successiva. Un gran risveglio per i malcapitati! 

  • shares
  • Mail