Nuova Suzuki RM-Z250 2019: rinnovata dentro e fuori

Nuovo look ereditato dalla sorella maggiore, nuovi anche motore e telaio e un unico obiettivo: dettare legge in pista

L'obiettivo di Suzuki? Fornire ai piloti una moto in grado di primeggiare su tutte le piste del mondo riscrivendo le regole delle quarto di litro da cross.

I tecnici della casa di Hamamatsu hanno concentrato le forze su tre campi che garantiscono di alzare il livello delle prestazioni: partenza, comportamento in curva e frenata. RM-Z250 2019 che, quindi, migliora ulteriormente le già fantastiche prestazioni dell'attuale modello proponendosi sul mercato come una moto da competizione rivoluzionaria.

Riprogettati telaio in alluminio e forcellone a sezione variabile che ne migliorano sensibilmente guidabilità e rapidità in curva, aiutati da un'accuratissima messa a punto e da una forcella dotata di nuove molle. Migliora la rigidità di tutta la ciclistica consentendo quindi un'esperienza di guida ancora precisa su ogni tipo di terreno anche grazie all'adozione i nuovi pneumatici. Nuovo anche l'impianto frenante con dischi e pastiglie maggiorati.

Le plastiche le eredita direttamente dalla sorella maggiore RM-Z450 2018: un frontale segnato dal becco che rappresenta un segno distintivo della gamma off-road di Suzuki; gli elementi sovrastrutturali la rendono ancora più snella rispetto alle vecchie versioni assicurando la posizione perfetta per i piloti di tutte le corporature. Tocco di design e chicca per un controllo ottimale, il nuovo manubrio Renthal Fatbar in alluminio. 

Importanti aggiornamenti riguardano anche il propulsore monocilindrico che equipaggia RM-Z250 2019. Rivisti aspirazione e impianto di scarico con una particolare attenzione alla parte interna del silenziatore. Traducendo? Risposta più pronta dell'acceleratore, maggiore coppia e più potenza. L'aspetto pratico riscontrato è, invece, un'erogazione progressiva e lineare per consentire a qualsiasi pilota un periodo di adattamento alla moto e allo stile di guida senza alcuna difficoltà e, nello stesso tempo, consentire alte prestazioni a chi pratica a livelli agonistici.

Parlando di potenziale in partenza, Suzuki ha equipaggiato RM-Z250 2019 con il nuovo Suzuki Holeshot Assist Control mentre, l'ingegnoso dispositivo di controllo della trazione gestisce la potenza erogata basandosi su tre diversi parametri: giri del motore, posizione dell'acceleratore e marcia inserita. Una moto che offre, quindi, maggiore motricità su tutti i fondi consentendo al pilota un miglioramento costante dei tempi sul giro.

Suzuki RM-Z250 2019 oggi si presenta al pubblico come un mezzo più divertente e più semplice da gestire e con un rinnovato look che esprime puro dinamismo.

  • shares
  • Mail