Rea sbanca Misano: "Gara-2 molto più difficile!"

Il nord-irlandese lascia solo le briciole agli avversari anche a Misano: "Ho fatto molti sorpassi nella gara di oggi, è stato un duro lavoro"

Il 'solito' Jonathan Rea (Kawasaki Racing Team) si è aggiudicato anche Gara-2 del round di Misano del Mondiale Superbike 2018, ma a differenza della vittoria in Gara-1 di ieri, il Campione del Mondo ha dovuto davvero fare ricorso a tutto il suo talento ed acume tattico per fare "bottino pieno" di punti anche alla domenica.

Scattato dalla terza fila per l'ormai familiare regola della reverse-grid, Rea ha ben presto iniziato a saltare i piloti avversari per lanciarsi all'inseguimento di Michael van der Mark (Pata Yamaha WSBK), che ha comandato la corsa per buona parte del suo svolgimento.

Pressato anche dal rientro alle sue spalle di Marco Melandri (Aruba.it Ducati SBK) Rea ha trovato l'affondo vincente su Van der Mark a 3 giri dalla fine, nel cambio di direzione della Variante del Parco, riuscendo a tenere a bada l'olandese della Yamaha per cogliere quella che forse è stata la sua vittoria più "faticosa" della stagione.

jonathan-rea-misano-2018-sbk-kawasaki-17.jpg
 
Rea comincia così la lunga pausa estiva del Mondiale Superbike con un totale di 370 punti in classifica, con larghissimo margine sugli inseguitori Chaz Davies (Atuba.it Ducati SBK, 278) e Van der Mark (248). Difficilmente la situazione potrebbe essere migliore per lui:

"È stata una gara davvero molto difficile, non come ieri, quando ho sempre controllato la corsa. Ieri sono partito davanti, ho imposto il mio ritmo me ne sono andato via."

"Oggi questo non è stato possibile, ma all'inizio ho chiesto tanto alle gomme e a me stesso per risalire posizioni".

jonathan-rea-misano-2018-sbk-kawasaki-3.jpg

La sua fedele Kawasaki ZX-10RR resta la moto più competitiva del lotto - come ribadito dai 59 punti di vantaggio su ducati in classifica costruttori - ma è indubbio che Rea ci metta molto "del suo" per mantenere il pacchetto inavvicinabile per tutti gli altri:

"Le prestazioni delle moto adesso sono così equilibrate che è difficile fare un sorpasso e difendere la posizione."

"È stata dura recuperare su Mikey [Van der Mark] e quando ci sono riuscito sono entrato un po' nel panico perché mancavano solo cinque giri dalla fine."

misano-sbk-2018.jpg

"A quel punto avrei voluto essere al comando per provare a fare il vuoto dietro di me. Temevo di non riuscire a superarlo perché non stava commettendo errori, ma poi è andato un po' largo nell'ultima curva e questo mi ha permesso prima di affiancarlo e poi di tirare la staccata alla prima curva."

"Ho fatto molti sorpassi nella gara di oggi, è stato davvero un duro lavoro".

jonathan-rea-misano-2018-sbk-kawasaki-9.jpg

  • shares
  • Mail