Lin Jarvis su Pedrosa: "Capisco i suoi dubbi, ma spero che firmi con noi!"

Nonostante alcune indiscrezioni parlino di affare già fatto, l'annuncio ufficiale del matrimonio Yamaha-Pedrosa sembra tardare più del previsto

pedrosa_dani.jpg

Nel paddock c'è chi parla di affare già fatto, ma il comunicato ufficiale tarda ad arrivare: nonostante il chiacchiericcio che ha generato nelle ultime settimane, l'annuncio del matrimonio Yamaha-Pedrosa si fa attendere più del previsto. E, stando a sentire i vertici della casa dei Tre Diapason, Dani non avrebbe effettivamente ancora firmato il contratto che lo legherebbe nuovo team satellite sponsorizzato da Petronas.

A parlare, per conto del brand di Iawata, è stato ancora una volta Lin Jarvis: il manager britannico era ad Assen, ed è stato interpellato sulla questione dai colleghi spagnoli di AS. Secondo Jarvis a ritardare la conclusione dell'accordo non sarebbe l'aspetto economico (si parla di un'offerta da 2.5 milioni di euro), ma l'incertezza riguardante il pacchetto tecnico: Pedrosa, abituato da ben 13 anni alla sella ufficialissima della Honda HRC, potrebbe non essere così convinto dall'idea di finire in un team clienti, senza la sicurezza di ricevere materiale di prima scelta e una moto competitiva.

"E' normale che Dani abbia qualche dubbio. Se gli stessimo offrendo una moto ufficiale in un team ufficiale, penso che avrebbe firmato ormai da tempo!" ha ammesso il Project Manager di Iwata. "Io spero che lo faccia presto, che firmi con noi... mi sembra normale che non sia un passaggio così scontato come quello di Lorenzo in Honda".

Nonostante alcune indiscrezioni circolate negli scorsi giorni scorsi, infatti, non è ancora chiaro se al nuovo team Yamaha Petronas siano destinate due YZR-M1 pienamente "factory", o se sul piatto ci sia una formula sulla carta leggermente inferiore: un aspetto, questo, che per un Top Rider come Pedrosa è comprensibilmente fondamentale. Interrogato nel merito, Jarvis non si è sbilanciato e ha tagliando corto: "Non so ancora quale sarà esattamente la moto, ma sarà certamente una moto competitiva".

  • shares
  • Mail