Bayliss is back: Troy torna alla vittoria nell'ASBK

A 49 anni suonati, Troy Bayliss è tornato vincere: il canguro australiano ha firmato il successo nella Gara 1 di Hidden Valley, corsa valida per il campionato nazionale ASBK

Quando uno ha la velocità e la competizione nel sangue, l'età è solamente un numero insignificante sulla carta d'identità. A dimostrarcelo non c'è solo Valentino Rossi, che a 39 anni suonati è secondo nella classifica della MotoGP, ma anche un certo Troy Bayliss che alla vigilia delle 50 primavere non sembra aver perso lo smalto di una volta, quando dominava il Mondiale Superbike in sella alle bicilindriche di casa Ducati.

A tradirlo c'è forse qualche ruga in più in più sul viso, ma se si parla di "manico" per Troy il tempo sembra non essere passato: a 49 anni -compiuti lo scorso 30 marzo- Bayliss è tornato a vincere. Lo ha fatto a casa sua, in quel Campionato Australiano Superbike che da inizio stagione lo vede ai semimanubri di una 1299 Final Edition, moto gestita dal team Ducati DesmoSport di sua proprietà.

Dopo aver conquistato la pole position, l'australiano ha firmato il successo in Gara-1 sulla pista di Hidden Valley (Darwin), tracciato che ha ospitato il 4° round dell'ASBK. Fa impressione vedere il nome di Troy in cima alla classifica finale, e quel "Bayliss is Back" pronunciato dal telecronista assume un valore speciale dal momento che il vecchio leone si è messo dietro nientemeno che Troy Herfoss, leader del Campionato, e Bryan Staring, 32enne che nel 2013 ha disputato una stagione in MotoGP.

Il mitico numero 21 ha vinto in volata la prima manche e ha iniziato anche Gara-2 con intenzioni bellicose: purtroppo, dopo aver guidato la corsa per 13 giri puntando a una splendida doppietta, Bayliss ha dovuto rassegnarsi ad un modesto 7° posto a causa di un problema tecnico.

Troy, che nel suo palmares ha 52 centri nel Mondiale Superbike e una storica vittoria in MotoGP a Valencia nel 2006, è attualmente terzo nella classifica generale dell'ASBK: il suo sogno, dopo tre titoli iridati in sella alla Ducati (2001-2006-2008), è quello di riuscire a mettersi in bacheca anche il trofeo del "suo" Campionato Nazionale.

Un obbiettivo ambizioso, per uno che a quasi 50 anni corre contro piloti che potrebbero essere suoi figli!

  • shares
  • Mail