Guerra dei dazi: Harley-Davidson sposterà la produzione

In tempi non sospetti per Trump il celebre marchio incarnava il simbolo della sua campagna America First e della volontà di rilanciare il Made in USA...

MY18.5 Campaign Imagery. INTERNATIONAL ONLY


La guerra dei dazi in atto tra Europa e Stati Uniti si arricchisce di un nuovo capitolo. La casa di Milwaukee sposterà parte della sua produzione fuori dagli USA per limitare l'impatto delle decisioni prese dall'Unione Europea dopo che l'amministrazione statunitense del Presidente Donald Trump ha imposto il balzello sull'importazione di acciaio e alluminio dall'Europa.

Come riportato oggi dal Sole24ore.com, l'azienda americana ha dichiarato che produrrà moto destinate al mercato europeo fuori dai confini nazionali per ovviare alla nuova tassa che, salendo dal 6% al 31% sui suoi prodotti, aumenterebbe il costo medio di esportazione di ciascun prodotto spedito direttamente dagli Stati Uniti di circa 2.200 dollari.

Il trasferimento della produzione avrà luogo nell'arco dei prossimi 18 mesi. Per evitare il rialzo dei prezzi per i consumatori la celebre società ha anche previsto un onere in bilancio da qui a fine anno tra i 30 e i 45 milioni di dollari. Una decisione che ha influito sui titoli del gruppo che questa mattina hanno ceduto circa il 3%.

L'Europa è il secondo mercato per fatturato subito dietro agli USA e l'anno scorso ha riportato l'acquisto di ben 40.000 Harley-Davidson. In tempi non sospetti per Trump Harley-Davidson incarnava il simbolo della sua campagna America First e della volontà di rilanciare il Made in USA...

45_harley-davidson_2018_road_glide_special.jpg

  • shares
  • +1
  • Mail