Moto3, Le Mans: chi sale e chi scende

GP di Le Mans 2018, chi sale e chi scende...

2018-fabio-di-giannantonio.jpg

pollice-su.jpg

Chi sale: Di Giannantonio. Protagonista fin dall’inizio di stagione (podio in Argentina e piazzamenti in Texas e a Jerez) a Le Mans Diggia è partito subito a manetta battendosi come un leone nel quintetto di testa. Nello show-caos di una corsa ad eliminazione il 19enne pilota capitolino del Team Gresini alla fine, col guizzo del felino, taglia per primo il traguardo. Ma il trionfo è solo apparente perché arriva come una mazzata una penalità di tre secondi per taglio della curva 8 di... inizio gara, retrocedendo lo sconsolato Fabio al quarto posto. Un eccesso di zelo della giuria a corrente alternata che ha il sapore della beffa. L’appuntamento con la vittoria è solo rinviato. Intanto Fabio, il fortissimo “giovane leone” italiano oggi più in palla insieme al Bez, sale in classifica generale, secondo (59 punti) a quattro lunghezze dal leader Bezzecchi. Il “pacchetto” c’è e sono i fatti a dimostrarlo. Al Mugello la consacrazione di Diggia?

Moto3, Argentina 2018: dominio italiano nelle libere

pollice-verso.jpg

Chi scende: Bastianini. Proprio all’ultimo giro di Le Mans una nuova caduta mette ancora una volta ko il pilota romagnolo, al suo terzo “zero” consecutivo stagionale. Il 21enne pilota riminese, dopo l’ottimo secondo posto in Texas e il quarto in Argentina, torna a deludere procedendo col passo del gambero. Con questi chiari di luna Enea si sfila in classifica, adesso è decimo (33 punti) con un gap di 30 lunghezze. Il talento e la determinazione del pilota romagnolo sono fuori discussione ma, come già nel 2017 e 2016, problemi di vario tipo (in passato anche di natura contrattuale, cambio di Team ecc.) con l’aggiunta di una jella che non vuole mollare, rendono il titolo una chimera. Enea rischia di rimanere l’eterna promessa. Urge svolta. Musi lunghi nel Team Leopard, dominatore delle ultime stagioni, per risultati ben al di sotto delle aspettative anche per un Dalla Porta sempre più “perso”, confinato in 13esima posizione (25). Al Mugello ultima chiamata per entrambi gli italiani?

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 5 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail