Yamaha XSR 700 by Workhorse Speed Shop

Il programma Yard Built di Yamaha è una vera e propria fucina di special: è però piuttosto raro, nell'alveo dell'ormai tradizionale contest indetto dalla Casa dei Tre Diapason, trovare delle vere e proprie moto da corsa. Ed è ancora più improbabile quelle moto siano dei dragster, razzi terra-terra votati ad accelerazioni brucianti e partenze a tutto gas sul quarto di miglio.

Eppure c'è sempre l'eccezione, che in questo caso è rappresentata dalla nuova creazione di Brice Hennebert e il suo Workhorse Speed Shop: bassa, lunga, e ovviamente con un pizzico di vintage, quella che vi mostriamo oggi è una XSR 700 molto, molto particolare.

Il propulsore, l'ormai collaudato bicilindrico parallelo di Iwata, è stato modificato con un unico obbiettivo: ottenere la massima performance. L'albero motore è stato bilanciato, e sia il circuito dell'olio che il sistema di iniezione sono stati sottoposti ad un upgrade; la relativamente bassa cilindrata è stata invece compensata con l'installazione di un impianto di sovralimentazione al protossido di azoto, il celeberrimo NOS reso fin troppo famoso dalla saga di Fast and Furious.

Il risultato è una coppia motrice impressionante, scaricata a terra dalla nuova frizione anti-saltellamento Suter. Ovviamente, visto il notevole incremento di prestazioni, si è intervenuti anche sull'impianto frenante -che ora si avvale di componentistica di diretta derivazione racing- e sul forcellone, che è stato allungato di 10 cm.

La livrea, realizzata da Matthias Van Brussel, si ispira alla mitica FRZ 750 Sonauto portata in pista al Bol d'Or 1985 da Christian Sarron. La XSR 700 Workhorse scenderà in pista nella categoria Factory del Sultans of Sprint, la gara di accelerazione itinerante che di disputerà anche in Italia i prossimi 19-20 maggio a Monza, in occasione di The Reunion.

Quello di Monza sarà il primo round di una sfida che proseguirà al Biker's Classic di Spa (29 giugno-1 luglio), a Glemsek (Germania, 29 agosto-2 settembre) e infine in Francia, al Dandy Riders Festival (23-24 settembre): a guidarla, presso l'autodromo brianzolo, sarà nientemeno che Niccolò Canepa, primo pilota italiano a vincere un Mondiale Endurance.