MotoGP pagelle, Marquez prende il volo nel mondiale. Ducati harakiri. Rossi sbuffa

Le pagelle della MotoGP di Massimo Falcioni.

2018-jerez-motogp-ducati-2.jpg

La gara: voto 9-. Jerez festa di popolo. Godono i 100 mila e passa per lo show, le emozioni, i colpi di scena; gode Marquez sugli altari; sprofonda nel ghiaione la Ducati harakiri dei fratelli-coltelli. Incidente di gara? Sì. Ma le gare si “guidano” (anche) dal box. Altrimenti sono gli altri a dominare. Ducati, se ci sei batti un colpo.

Marquez: voto 10. Tira la corda senza romperla con rischi-show. Gioca a gatto col topo con la sua Honda (voto 10) super. Acclamato Re di Spagna punta dritto alla corona di imperatore del mondiale. Senza il caos d’Argentina la partita sarebbe già chiusa. Il ritorno del cannibale?

Zarco: voto 8+. La fortuna aiuta gli audaci o, comunque, concede il secondo gradino del podio a chi se lo prende. Gongola il francesino, anche per la sberla alle Yamaha Casa (voto 5-). Sorride Ktm.

jerez_crash_2018.jpg

Iannone: voto 8. Sotto le aspettative della vigilia. Ma Ian tiene a cuccia Petrucci e Rossi conquistando un bronzo di gran peso per se stesso e per la Suzuki (voto 8+). Salutare bis dopo Austin.

Petrucci: voto 6-. Nel giorno del patatrac delle Rosse ufficiali non fa il “miracolo” limitandosi a non peggiorare la situazione della Casa bolognese. Poco meglio di niente. Ma poco.

Rossi: voto 5+. Il vecchio leone ruggisce ma non morde, in difesa anche per una Yamaha (voto 5-) in bambola. Fortuna che Vinales sta peggio e che davanti in tre volano via. Vale col passo del gambero?

Miller: voto 5. Resta nella tenaglia Yamaha davanti a Vinales ma dietro a Rossi e soprattutto prende paga dal compagno di squadra Petrux pur rimando davanti in classifica generale.

2018-jerez-motogp-ecstar-suzuki-17.jpg

Vinales: voto 5-. Continua negli alti (pochi) e bassi (molti) finendo 7° a oltre 13 secondi da Marquez e a 5 da Vale. Corrente alternata. Svolta solo annunciata. Confusione?

Morbidelli: 6+. Miglior risultato stagionale per il rookie in fase di ambientamento. Il gap di quasi 17 secondi pesa ma questo passo il convento. Per adesso. Risultato che dà morale.

Dovizioso, Lorenzo, Pedrosa: le valutazioni sui tre piloti protagonisti della carambola di Jerez sono contenute nel post già pubblicato su Motoblog a firma Massimo Falcioni con il titolo: “Quel pasticciaccio del 18° giro alla curva 6”.

  • shares
  • Mail