Ducati: ipotesi di spin-off da parte del gruppo Volkswagen

Per il nuovo amministratore delegato del gruppo automobilistico, sono previste altre prospettive per le attività non automobilistiche.

DU 2017-09-27 MULTISTRADA 1504


Nel corso dell'assemblea degli azionisti di Volkswagen AG, tenutasi a Berlino, il manager Herbert Diess - neo amministratore delegato del gruppo automobilistico tedesco - ha dichiarato che "per i brand che non appartengono al nostro 'core business' progetteremo delle prospettive sostenibili per il futuro, tra cui sono concepibili anche strategie di spin-off".

Tra le attività non automobilistiche di Volkswagen AG figura il costruttore italiano di moto Ducati, controllato da Audi attraverso Lamborghini. Inoltre, le ipotesi di scorporo riguardano anche il produttore di trasmissioni Renk e Man Diesel & Turbo, quest'ultima divisione del costruttore di veicoli industriali Man e dedita alla produzione di motori per l'industria aeronautica.

Ducati fa parte del gruppo Volkswagen dal 2012, ma già tre anni dopo, in concomitanza con l'esplosione dello scandalo "Dieselgate", è iniziata a circolare più volte l'ipotesi della cessione. L'anno scorso furono numerose le indiscrezioni in questo senso, con Harley-Davidson, Royal Enfield, Benetton e Investindustrial tra i pretendenti, ma l'ipotetica vendita della Casa di Borgo Panigale fu smentita dall'ex amministratore delegato Matthias Muller, soprattutto perché osteggiata dalle famiglie Porsche e Piech.

Tuttavia, l'attuale ipotesi dello spin-off di Ducati da parte del gruppo Volkswagen potrebbe essere simile alle operazioni già fatte da FCA con Iveco prima e Ferrari poi, attraverso operazioni finanziare come la quotazione in borsa che incrementerebbe ancor più il valore del costruttore motociclistico italiano, quotato l'ultima volta circa due miliardi di euro.

  • shares
  • Mail