Roberts: "Marquez è come me, forse anche meglio..."

"King" Kenny Roberts Sr., 3 volte iridato in 500cc, incorona il fenomeno spagnolo: "Riesce a fare cose che gli altri non osano nemmeno sognare..."

kenny-roberts.jpg

A 25 anni, con 6 titoli iridati in bacheca di cui 4 in MotoGP, Marc Marquez si è già assicurato un posto d'onore nell'Olimpo del motociclismo sportivo.

L'impressionante carriera del fenomeno spagnolo ha assunto ben presto connotati da "avanzata schiacciante" grazie a un talento cristallino, che lo aveva visto subito imporsi anche nella classe regina con la conquista del titolo iridato nell'anno del debutto, il 2013.

"Valorizzato" e "coccolato" al massimo dallo squadrone Honda Repsol, Marquez ha poi continuato il suo cammino continuando a mietere successi e record, pur non rimanendo immune da polemiche (basti ricordare la più recente con Valentino Rossi dopo il contatto in Argentina).

marc-marquez-motogp-2018-honda-repsol-5.jpg

In una lunga intervista esclusiva rilasciata a Crash.net, anche il leggendario "King" Kenny Roberts Sr., 3 volte iridato in 500 a cavallo tra gli anni '70 e '80, non ha mancato di riconoscere la grandezza di Marquez. L'oggi 66enne ex-pilota statunitense, riconosciuto "pioniere" dello stile di guida con "ginocchio a terra", ha inoltre riscontrato alcune similitudini tra sé e il fuoriclasse di HRC, a sua volta un precursore del "gomito sull'asfalto":

"[Marquez2] riesce a fare cose che gli altri non osano nemmeno sognare. E questo succede puntualmente in ogni fine settimana di gare. E' un pilota che ha davvero il suo stile personale e inimitabile. E questa è una caratteristica che avevo anche io ai miei tempi."

"Quando lo guardo, rivedo me stesso trenta o trentacinque anni fa, non fosse per il fatto che lui fa tutto anche meglio! Lui è sempre al limite estremo."

marc-marquez-motogp-2018-honda-repsol-1.jpg

Per spiegarsi meglio (e ricordando le sue "origini" nel dirt-track americano), Roberts ha preso ad esempio l'attacco portato da Marquez a Dovizioso all'ultima curva del GP del Qatar, un assalto fallito che però, secondo la leggenda californiana, dimostra una volta di più l'abilità alla guida del Campione del Mondo della MotoGP:

"Quello che ha fatto in quell'occasione è semplicemente incredibile. Non potevo credere ai miei occhi. Non stava correndo al 90%, stava correndo al 110% per poi salire al 115% all'ultimo giro. A volte guardare Marquez andare in moto è veramente sbalorditivo!"

"Ricordo che, un paio d'anni fa al GP di Indianapolis, Marquez era l'unico a pilota a far slittare la ruota posteriore, l'unico! Voglio dire, certi controlli di trazione non lo permetterebbero, ma a lui questo non interessa. Marquez non vuole avere sempre il massimo grip, e questa è esattamente la prospettiva con cui io stesso mi sono avvicinato alle corse su asfalto."

2018-motogp-argentina.png

Roberts ha poi espresso parole di grande apprezzamento per Andrea Dovizioso, dicendosi molto sorpreso della crescita del forlivese dopo la poco felice esperienza da pilota ufficiale Honda tra il 2009 e 2011:

"Sì, mi ha sorpreso perché me lo ricordavo in precedenza con Honda. Pensavo avesse un grande potenziale quando ci è arrivato, ma alla fine, qualunque sia la ragione, non si è mai materializzato. Non ho mai lavorato con lui e non frequento più i GP come una volta, ma vederlo ora così forte ti fa capire che nella vita non si può mai sapere."

"Adesso [Dovizioso5] sta facendo un lavoro incredibile. Ed è molto tranquillo nello svolgerlo, gli piace farsi i fatti suoi. Marquez è più esuberante, lo vedi fare sorpassi incredibili e ti chiedi come diamine ci sia riuscito. Ma bisogna togliersi il ​​cappello davanti a Dovizioso: ha sempre continuato a lavorare principalmente su sé stesso, su ciò di cui aveva bisogno per migliorare."

roberts_yamaha.jpg

  • shares
  • Mail