Iannone "positivamente colpito" dalla Suzuki a Jerez

L'abruzzese della Suzuki in evidenza nel test MotoGP di Jerez: "Bello aver fatto passi avanti, ma ci sono aree in cui possiamo migliorare..."

Responsi incoraggianti per Andrea Iannone nell'ultimo test stagionale del team Suzuki Ecstar a Jerez de La Frontera. Nell'ultima giornata di test in programma sul tracciato spagnolo, il pilota di vasto ha infatti messo a segno un 1:38.030 che gli ha permesso di chiudere la giornata con il miglior tempo tra i piloti della MotoGP, dietro però all'1:37.986 del Campione del Mondo della Superbike Jonathan Rea e della sua Kawasaki ZX-10RR.

Il pilota abruzzese ha comunque ottenuto il secondo tempo assoluto nel test della MotoGP dietro all'1:37.663 fatto registrare ieri da Andrea Dovizioso con la Desmosedici GP del Ducati Team che oggi non è sceso in pista.

2017-motogp-jerez-test-andrea-iannone-11.jpg

Per tutti, l'obiettivo principale del test era quello di indirizzare lo sviluppo delle nuove moto 2018, fornendo il miglior feedback possibile agli ingegneri per il lavoro da scolgere in fabbrica in inverno. In questo senso, Iannone si è detto soddisfatto dei progressi fatti registrare dalla GSX-RR:

"Questo test è stato molto intenso perché volevamo provare tante cose, mi sento stanco ma soddisfatto. Prima di tutto ci siamo concentrati sul feeling della moto, con il nuovo telaio e set-up diversi. Nel complesso posso dire che ci sono stati tanti miglioramenti. Sono stato efficace sia sul time-attack nel singolo giro che in termini di passo."

2017-motogp-jerez-test-andrea-iannone-8.jpg

"Una delle aree che volevamo migliorare era la consistenza delle prestazioni, con pneumatici nuovi e usurati, il che significa poter rimanere competitivi per tutta la lunghezza della gara. Poi abbiamo anche avuto a disposizione il motore con le nuove specifiche e abbiamo fatto molti giri per svolgere un confronto adeguato."

"Non mi aspettavo un grande passo avanti e sono positivamente colpito. Ad ogni modo, dobbiamo restare con i piedi per terra e continuare a lavorare. È bello aver fatto questi passi avanti, ma ci sono ancora aree in cui possiamo migliorare, e questo sarà il nostro compito per l'inverno ".

2017-motogp-jerez-test-andrea-iannone-16.jpg

Oltre a Iannone, il team factory di Hamamatsu era in pista a Jerez con l'altro pilota ufficiale Alex Rins e il tester d'eccezione Sylvain Guintoli, ex-iridato SBK. Il team manager Davide Brivio ha così commentato il lavoro svolto nell'ultimo test spagnolo del 2017:

"Qui a Jerez abbiamo proseguito il lavoro che avevamo già iniziato a Valencia la scorsa settimana. Abbiamo testato di nuovo le nuove specifiche del motore, che sembra avere un po' di potenza in più ma che si è anche dimostrato piuttosto fluido, come da filosofia Suzuki, e i piloti sono ne stati contenti. Non è un grandissimo passo, ma si fa guidare ed è più prestante."

2017-motogp-jerez-test-andrea-iannone-10.jpg

"Inoltre, abbiamo provato il telaio migliorato che avevamo testato la scorsa settimana per fare dei confronti e dei test back-to-back. Naturalmente abbiamo anche continuato il lavoro con l'elettronica, che è una cosa di cui non si è mai completamente soddisfatti. Come al solito, abbiamo lavorato sul controllo della trazione e sulle configurazioni del freno motore."

"Questo test ci ha fornito molte informazioni e una chiara idea su quale direzione prendere per la finalizzazione della moto che arriverà a Sepang, alla fine di Gennaio ".

2017-motogp-jerez-test-andrea-iannone-13.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 24 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO