Il futuro di Ducati: scooter ed elettrico?

A Borgo Panigale starebbero lavorando per un futuro dettato dall'elettrico. Entro il 2021 la rivoluzione?

Le voci, i sussurri, i rumori si susseguono oramai da tempo. Certo è che se a parlare è il Managing Director per l'Europa Occidentale di casa Ducati, allora qualcosa di più di un "rumor" può diventare. Come a dire "la credibilità della fonte" requisito essenziale per qualsiasi notizia da trovare.

Di cosa si parla? Del futuro di Borgo Panigale. Schiarite le nuvole di una possibile vendita da parte del gruppo Volkswagen, si inizia a parlare di futuro, trapelando oltretutto, progetti venturi di scooter in Rosso e di energia elettrica.

A parlare è Edouard Lotthè che, ai colleghi di Moto-Station in una lunga intervista, ha trattato proprio questi temi. Quanto poi si realizzerà non è dato saperlo, principalmente per quanto concerne le tempistiche, ma leggendo le sue parole nell'ottica dei processi di aggiornamento in coercizione con la normativa Euro5, sembra esserci una giusta sincronia con quanto esplicitato.

AGGIORNAMENTO IMPORTANTE: In merito a quanto si leggerà da qui in poi, ci preme sottolineare quanto segue. I colleghi di Moto Station hanno rettificato quanto scritto nell'intervista rilasciata dal manager Edouard Lotthè. Si tratta di una rettifica fondamentale in quanto si parla, nella seconda versione, di un "eventuale" scooter che potrebbe avere ovviamente il carattere di casa Ducati, e non di un qualcosa eventualmente nei piani, come evidentemente trapelava dalla prima stesura dell'intervista. La modifica è stata portata alla luce dai colleghi di In Moto che hanno provveduto anche a mostrare i due screenshoot della pagina con l'intervista nella sua prima stesura che nella versione rettificata. Si tratta di un atto doveroso che dobbiamo nei confronti dell'azienda e, sopratutto, dei lettori.

DU 2017-09-27 MULTISTRADA 1504

Dunque scooter ed elettrico nel futuro della Rossa? A dare un'accelerata ci sarebbe stata la scandenza del 2021, quando entrerà proprio la normativa Euro5, oltre alle sempre più evidenti scelte legislative europee che si stanno indirizzando verso l'elettrico, tra il 2020 ed il 2030. Ciò però non comporterà, sempre ascoltando Lotthè, una perdita di identità, sopratutto per quanto concerne la sportività del marchio.

Il 2030 dunque potrebbe essere però cruciale nell'ambito del gruppo Volkswagen che prevede la presenza di almeno un modello elettrico per ogni omologo nel listino dei marchi.

Si tratterrebbe di una rivoluzione copernicana, ma lo stesso Claudio Domenicali ne ha parlato con entusiasmo ad Eicma. L'elettrico non spaventa più e se da un lato abbiamo già visto case come BMW sperimentare sul mercato questo tipo di propulsione (leggasi C Evolution).
Oltretutto, ciò significherebbe ritrovarsi un scooter Ducati ed una moto elettrica nei prossimi tre anni, con un Eicma 2020 come ipotetico scenario. Chissà se si vedrà anche la tanto auspicata Moto3 bramata da Dall'Igna nel futuro di Ducati...

DU 2017-09-27 MULTISTRADA 1504

  • shares
  • Mail