Kawasaki Ninja 125 e Z125 2018

La casa di Akashi ha scelto il Salone EICMA di Milano per svelar i piani in merito a 2 nuovi modelli da 125 cc, in arrivo nel 2018.

kawasaki-125cc.jpg

Approfittando dell’ampia cassa di risonanza offerta dalla platea di “media” presente al Salone EICMA 2017 di Milano, Kawasaki a prontamente colto l’occasione per rivelare i progetti inerenti a due inediti modelli 125cc, il cui lancio è già previsto in Europa nel corso del 2018. Si tratta delle nuovissime Z125 e la Ninja 125 2018.

I due modelli sono stati presentati a Milano in forma silhouette da Kazuo Ota, presidente della Kawasaki's Motorcycle & Engine Company, che nella sua introduzione ha riconosciuto la necessità di aumentare la gamma Kawasaki con questo tipo di veicoli:

"Questi due nuovi modelli condividono lo stile unico di Kawasaki e la continuità del "marchio" è un qualcosa a cui teniamo molto. Nella nostra visione, queste sono moto per chi inizia a fare i suoi primi chilometri, e che lo vuole fare con Kawasaki. Ma possono anche essere l'unica moto di cui certa clientela avrà mai bisogno: siamo sicuri che queste moto potranno assolvere entrambe le esigenze ".

ninja125.jpg

Secondo quando dichiarato dalla casa di Akashi, entrambi i modelli sono stati realizzati in risposta ad un chiaro feedback proveniente dalle sue concessionarie nel Vecchio Continente. Lo ha ribadito anche Morihiro Ikoma, Direttore di Kawasaki Motors Europa:

"Il nostro team di ricerca e sviluppo in Europa ha accolto il feedback dei concessionari, che chiedevano moto in grado di competere nel segmento delle patenti A2 e per 125cc o A1. Siamo felici della decisione di sviluppare queste moto come parte delle gamme Z e Ninja perché questo è riflette precisamente il desiderio e le aspirazioni della nostra base di clienti europei".

z125.jpg

Ovviamente, i puristi Kawasaki innamorati delle serie "Ninja" e "Z" avranno di che storcere il naso di fronte a versioni "quarto di litro" delle due famiglie di prodotti, che negli ultimi anni avevano già accolto versioni di media e piccola cilindrata, ma mai, fino ad ora, sotto i 250 cc e quindi molto più accessibili al grande pubblico.

Ma questa è ormai la direzione "in cui va il mercato", con la casa nipponica che chiaramente ha tutte le ragioni per sfruttare a fondo il "potenziale commerciale" delle sue due sigle più famose e longeve. Magari tra qualche EICMA ne arriverà pure una con un badge "H2" dotata di supercharger...

  • shares
  • Mail