Yamaha Tracer 700 ABS, la nostra prova su strada

Yamaha Tracer 700 ABS, la Sport Tourer di media cilindrata.


Può una moto essere comoda, spaziosa, pratica e divertente derivando da una naked? A quanto pare sì, è possibile con la nuova Yamaha Tracer 700 ABS. La Tracer 700 è una crossover agile e snella sviluppata a partire dalla MT-07, l’ideale per muoversi trade insidie del traffico cittadino, perfetta per gli spostamenti a lungo raggio.

Una moto “tuttofare” per intenderci, con una migliore aerodinamica e un migliore comfort di marcia rispetto alla naked da cui deriva, il tutto con soli 196 chilogrammi di peso in ordine di marcia, compresi serbatoio olio e carburante pieni. Una moto capace di offrire un'esperienza di guida sportiva, ricca di emozioni e molto intuitiva. Tre le colorazioni: Radical Red, Yamaha Blue, Tech Black. Il prezzo? A partire da 7.990,00 euro. Disponibile anche in versione depotenziata da 35 kW e conducibile con la patente A2.

Yamaha Tracer 700 ABS: come va



Una moto facilissima e divertente. La posizione di guida è comoda, merito della corretta geometria esistente tra sella e manubrio, largo, ma non troppo. La Yamaha Tracer 700 ABS risulta agile e maneggevole, con un ottimo angolo di sterzo che permette di divincolarsi anche nelle situazioni di traffico più estremo.

La sella è estremamente comoda, soprattutto durante i lunghi viaggi. Buona anche la protezione aerodinamica, nella versione Touring, il parabrezza regolato alla massima estensione fornisce un ottimo riparo anche ai piloti più alti. La risposta del motore è pronta fin dai bassi regimi, nonostante la potenza non sia esagerata, la Tracer 700 è una moto perfetta per la guida turistica, ma aggressiva quando serve.

Le sospensioni sono molto morbide e reagiscono molto bene sullo sconnesso, ma con un approccio di guida più deciso la morbidezza può creare qualche problema innescando fastidiose oscillazioni. Ovviamente una guida più tranquilla e più “rotonda” è ideale per questo tipo di moto. L’ABS è ben tarato, il suo intervento è sempre gestibile e mai invasivo. Complessivamente è una moto con un rapporto qualità prezzo ottimo, una moto molto versatile sia per l’utilizzo quotidiano che per i lunghi viaggi.

Yamaha Tracer 700 ABS: come è fatta


Incastonato in un leggero e compatto telaio tubolare in acciaio a diamante, il propulsore della Tracer 700 ABS è un due cilindri raffreddato a liquido, quattro tempi, DOHC a quattro valvole in grado di erogare una potenza massima di circa 75 cavalli a 9.000 giri e una coppia massima di ben 68 Nm a 6.500 giri. Il motore "crossplane", un bicilindrico fronte marcia, è lo stesso della XSR 700, un propulsore capace di regalare molte emozioni.

Una delle sue caratteristiche principali è la fasatura a 270 gradi con scoppi irregolari in grado di trasmettere una sensazione di accelerazione incredibile con elevati livelli di trazione. Rispetto alla naked il forcellone è in alluminio, più lungo di 50 mm e con un interasse di 1.450 mm, una soluzione adottata per migliorare la stabilità alle velocità più elevate. Le sospensioni hanno la stessa escursione di 130 mm della MT-07, ma con le tarature idrauliche riviste per un comfort maggiore all’altezza di una vera Sport Tourer, soprattutto con un passeggero a bordo.

Il parabrezza può essere regolato in due differenti posizioni con il cupolino e le semicarene laterali che offrono una buona protezione. La capacità del serbatoio è di ben 17 litri con un’autonomia in autostrada che arriva quasi a 380 chilometri. Il sistema frenante è garantito da due dischi da 282 mm con pinze a quattro bastoncini all’anteriore e uno da 245 mm al posteriore con ABS di serie.

La Tracer 700 ABS monta cerchi leggeri in alluminio a dieci raggi con pneumatici Michelin Pilot 4, 120/70 R17 M/C 58W all’anteriore e 180/55 R17 M/C 73W al posteriore. Infine, doppio faro anteriore e strumentazione digitale con display LCD. Moltissimi gli accessori disponibili per la Tracer 700 a partire dal parabrezza più grande, le borse laterali e il capiente bauletto da 39 litri.

Yamaha Tracer 700 ABS: scheda tecnica


- Motore: 2 cilindri, raffreddato a liquido, 4 tempi, DOHC, 4 valvole
- Cilindrata: 689 cc
- Alesaggio x corsa: 80,0 mm x 68,6 mm
- Rapporto di compressione: 11,5 : 1
- Potenza massima: 55,0 kW (74,8CV) @ 9.000 giri/min
- Limited power version: 35,0 kW 7.500 giri/min
- Coppia massima: 68,0 Nm (6,93 kg-m) @ 6.500 giri/min
- Lubrificazione: carter umido
- Frizione: in bagno d'olio, dischi multipli
- Alimentazione: iniezione
- Accensione: TCI
- Avviamento: elettrico
- Trasmissione: sempre in presa, 6 marce
- Trasmissione finale: catena
- Fuel consumption: 4,3 l/100km
- CO2 emission: 100 g/km

Telaio
- Telaio: a diamante
- Sospensione anteriore: forcella telescopica
- Escursione anteriore: 130 mm
- Inclinazione cannotto sterzo: 24,8º
- Avancorsa: 90 mm
- Sospensione posteriore: forcellone oscillante, leveraggi progressivi
- Escursione posteriore: 142 mm
- Freno anteriore: doppio disco idraulico, Ø 282 mm
- Freno posteriore: disco idraulico, Ø 245 mm
- Pneumatico anteriore: 120/70 R17 M/C 58W (tubeless)
- Pneumatico posteriore: 180/55 R17 M/C 73W (tubeless)

Dimensioni
- Lunghezza: 2.138 mm
- Larghezza: 806 mm
- Altezza: 1.270 mm
- Altezza sella: 835 mm
- Interasse: 1.450 mm
- Altezza minima da terra: 140 mm
- Peso in ordine di marcia (compresi serbatoi olio e carburante pieni):196 kg
- Capacità serbatoio carburante: 17,0 L
- Quantità olio motore: 3,0 L

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 29 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO