Fischi a Marquez e Lorenzo: la condanna del Fan Club di Valentino

Il Fan Club di Rossi ha preso le distanze dal comportamento antisportivo tenuto da alcuni tifosi del #46 a Misano

rossi_tifosi-2.jpg

Nel corso dell'ultimo GP di Misano, nonostante l'assenza del beniamino di casa Valentino Rossi, si è riproposto il brutto spettacolo del tifo contro agli spagnoli. Fischi, insulti, applausi di scherno dopo le cadute, rivolti ovviamente a Marc Marquez e Jorge Lorenzo: gesti brutti e vili parlando di sport, nonché poco rispettosi del pericoloso "mestiere" del pilota.

Nonostante ciò, fare di tutta l'erba un fascio è sempre sbagliato: vero che tra i tifosi di Valentino sono in molti a "odiare" i due campioni spagnoli, ma non tutti i sostenitori del 46 serbano quel rancore che troppo spesso ha portato ad episodi simili (addirittura con il rogo di alcuni fantocci con le sembianze di Marquez...).

rossi_tifosi-1.jpg

A prendere le distanze da questi comportamenti antisportivi di alcune frange "estremiste" del popolo giallo è prima di tutto l'emanazione più diretta della tifoseria di Rossi, vale a dire il suo Fan Club Ufficiale. In un'intervista agli spagnoli di Marca, infatti, il vice-presidente del Valentino Rossi Official Fan Club Flavio Fratesi ha espresso tutto il suo disappunto per quanto accaduto a Misano, nonché la sua disapprovazione per ogni manifestazione del tifo volta a screditare, insultare ed offendere qualunque altro pilota.

"Nella tribuna eravamo 20.000. E' come nel calcio, anche qui c'è gente antisportiva. Sono pochi, è importante gestirli ma è impossibile controllarli tutti. Noi diciamo che bisogna essere sportivi con tutti, tutti i piloti sono importanti. Non va bene, non bisogna fischiare nessuno" ha dichiarato Fratesi facendo da portavoce a tutto il Fan Club.

Una deriva "calcistica" che non piace, nemmeno a chi ha sempre sostenuto Valentino in prima linea:
"Non è che non meritino di essere nel Fan Club... non meritano proprio di essere appassionati di motociclismo. Questo sport è importante perché tutti i piloti sono importanti, e bisogna applaudirli e celebrarli tutti. Quello che è successo a Misano ci disgusta".

Anche perché, a ben guardare, se fischiare è sempre un gesto brutto, farlo contro il vincitore è forse ancora peggio: suona come una manifestazione di invidia e complessi di... inferiorità. Fischiare chi ha vinto, per dirla in parole povere, è da perdenti: "Noi abbiamo una buona relazione con il Fan Club di Marquez. Parlo spesso con Ramon, zio di Marc e presidente del suo fan club... per noi Valentino è passione, come per loro è Marc, che è un vero fuoriclasse".

Talvolta, i fantasmi di Valencia 2015 purtroppo si fanno ancora sentire, ma per Fratesi quella è una questione chiusa: "Tutto ciò che successe allora ormai è roba vecchia. Fu un momento di tensione che ormai è passato".

Dichiarazioni importanti e quanto mai opportune, che speriamo possano ricondurre gli "ultras" a più miti consigli e indurli a seppellire definitivamente l'ascia di guerra.

rossi_tifosi-3.jpg

  • shares
  • Mail