Kawasaki "ZERO" by OCGarage

L'atelier romagnolo trasforma una Kawasaki Zephyr 1100 in un capolavoro ispirato dalla mitica saga di "Mad Max".

Quando nel 1979 uscì "Interceptor", il primo film della fortunatissima saga cinematografica di Mad Max, l'immaginario di molti fu colpito dalle auto e dalle moto che popolavano il mondo "post-apocalittico" in cui la storia era ambientata.

Una delle indimenticabili protagoniste del film è la Kawasaki KZ1000 color argento di “Goose”, collega di Mad Max, un modello che da allora ha influenzato generazioni di motociclisti e curstomizers accomunati dal desiderio di immedesimarsi nei protagonisti di quella ormai storica pellicola.

kawasaki-zero-by-ocgarage-4.jpg

La scorsa estate, l'officina/laboratorio ravennate OCGarage ha ricevuto la visita di un cliente che custodiva proprio quel sogno: possedere una replica di quelle moto realizzata sulla base della sua Kawasaki Zephyr 1100. E dopo un anno di lavoro, il boss Oscar Tasso e il suo team hanno finalmente completato l'opera.

L'impatto estetico della Kawasaki "ZERO" by OCGarage è ispirato all'aereoplano giapponese type zero, in grigio e con le parti di colore aerografate. Le due righe gialle identificano il leader della pattuglia, la riga rossa verticale indica la portaerei a cui apparteneva l'aereo mentre la scritta sulla coda in "stile aeronautica" I-MBAD la dice lunga sulle intenzioni bellicose del modello. Visitate il sito internet ufficiale di OCGarage per saperne di più.

kawasaki-zero-by-ocgarage-5.jpg

  • shares
  • Mail