Fulcrum Sprint Concept by Anirbaan Nandi

La Fulcrum Sprint è una sportiva elettrica disegnata da Anirbaan Nandi e ispirata, con grande probabilità, al Mikoyan-Gurevich MiG-29

Qualche giorno fa vi abbiamo mostrato la Jakusa H-DUC, una moto elettrica (o meglio, il render grafico di un'ipotetica moto elettrica) marchiata Harley-Davidson e ispirata alla quasi sconosciuta VR 1000.

Oggi vi proponiamo un altro concept a emissioni zero, frutto della matita del designer Anirbaan Nandi.

Come la H-DUC, anche questa argentea racer elettrica è per ora solamente un esercizio di design: si chiama Fulcrum Sprint, e sebbene le sue forme siano futuristiche e taglienti vi ritroviamo qualche citazione alle moto da corsa di un tempo, come l'appuntita carenatura integrale che richiama le sovrastrutture "a campana" delle GP degli anni '50.

Altre soluzioni tecniche rimandano invece alla scuola delle Superbike italiane, come il telaio a traliccio e il forcellone monobraccio che sorregge il cerchio posteriore a cinque razze sdoppiate.

fulcrum_sprint-5.jpg

Se ai più il nome di questo render può suonare pressoché insignificante, gli appassionati di aeronautica hanno sicuramente rizzato le antenne: "Fulcrum" è infatti il nome in codice dato dalla NATO al MiG-29, aereo da caccia progettato in Unione Sovietica ed entrato in servizio nelle forze dell'Ex Patto di Varsavia a partire dal 1983.

E assolutamente plausibile, infatti, che Nandi si sia ispirato al jet russo/sovietico nel disegnare la Fulcrum Sprint. Visto il nome con cui è stato battezzato non crediamo che la scelta della livrea sia casuale: la colorazione argentea con i numeri identificativi rossi era infatti quella tipica di molti aerei militari schierati dall'URSS durante la Guerra Fredda (sotto: un MiG-29 della Siły Powietrzne, attuale Forza Aerea Polacca).

mig_29_fulcrum.jpg

  • shares
  • Mail