Fogarty come Biaggi: incidente in gara "prometto non correrò più"

L'inglese tranquillizza tutti: "Devo proprio ringraziare i tifosi per il sostegno, ad eccezione della signora Fogarty. Mia moglie Michaela, che adesso mi odia. Prometto non correrò mai più".

fogarty.jpg
Non è un gran periodo per gli ex campioni del mondo, sopratutto per gli ex Superbike. Dopo la brutta botta a lieto fine per Max Biaggi, ora è la volta di Carl Fogarty. Stessa brutta botta, fortunatamente stesso epilogo, stesse dichiarazioni: basta corse. Chiaro che per persone che hanno nel sangue la velocità l'accettazione non è un concetto facile, ma al contempo con l'età che avanza, bisogna capire quando fermarsi definitivamente....fino alla prossima volta!

La foto, pubblicata dallo stesso King Carl tramite social network, mostra il campione inglese ricoverato e malmesso in seguito ad un evento inglese su terra chiamato "Dirt Quake", dove il campione Superbike è volato con la sua Triumph.

Il resoconto per il 52enne Carl parla chiaro, ed è lo stesso pilota "divertito" a raccontarlo: "Ho vinto cinque delle sei corse in programma e tutto stava andando alla grande, però nell'ultima batteria ho avuto un 'piccolo' incidente: mi sono rotto due costole, una spalla ed ho un polmone bucato"

Era da quella famosa caduta a Phillip Island del 2000, quando doppiò il privato Ulm che King Carl non aveva una botta del genere, ma il vecchio Fogarty la prende con filosofia: "Devo proprio ringraziare i tifosi per il sostegno, ad eccezione della signora Fogarty. Mia moglie Michaela, che adesso mi odia. Prometto non correrò mai più".

  • shares
  • Mail