Gira con la patente indiana, multato di 400 euro a Trieste

Circolava in Italia con la patente del Punjab senza permesso internazionale.

vigili_urbani.jpg

A Trieste, gli agenti della Polizia Locale durante notte sono intervenuti in via del Ghirlandaio per il rilievo di un incidente stradale tra due motocicli a causa di una mancata precedenza. Come riportato dal sito trieste.diariodelweb.it, gli agenti, dopo aver effettuato l’alcol test, negativo per entrambi i conducenti, hanno appurato che uno dei due uomini non aveva la patente di guida in regola. Il rider incriminato guidava il motociclo esclusivamente con la patente indiana del Punjab senza il permesso internazionale di guida.

Il Codice della Strada prevede che per i cittadini extracomunitari il cui paese d’origine non rientra negli stati che hanno siglato un Trattato di reciprocità con il nostro paese, la conversione della patente estera non è possibile e bisogna sostenere un nuovo esame.

Chi non risiede in Italia o vi risiede da meno di un anno può circolare sulle nostre strade con la patente in corso di validità del proprio paese d’origine, ma solo se usata insieme ad un permesso internazionale di guida, oppure ad una traduzione ufficiale in italiano della patente stessa.

Ed è il caso del nostro sfortunato motociclista indiano che, non avendo con sé il permesso internazionale di guida e neanche la traduzione della sua patente in lingua italiana è stato sanzionato con 400 euro di multa.

  • shares
  • Mail