Pagelle MotoGP Assen, grand’Italia con lo show Rossi-Petrucci e la leadership di Dovizioso (Ducati)

Rossi, "digiuno" finito. Riparte la corsa al titolo numero 10

Pagelle MotoGP Assen 2017 - Di seguito le nostre pagelle del Gran Premio d'Olanda Dutch TT della classe regina.

LA GARA: voto 10. Festa per i 150 mila di Assen per lo show in pista, festa per i “3 Moschettieri” tricolori Rossi (1°), Petrucci (2°), Dovizioso-Ducati (leader campionato). Chi s’accontenta gode (Marquez). Musi lunghi per Vinales (ko) e Lorenzo (doppiato!). Assen, benzina sul campionato con quattro piloti in un fazzoletto. Vietato sbagliare. Week end da “grande Italia” anche per il podio in volata di Fenati in Moto3 e per il nuovo trionfo di Morbidelli in Moto2. Non tutti gli italiani, però, stanno dentro la (stretta) bandiera. Al giro di boa del Sachsenring la controprova. Per tutti.

ROSSI: voto 10+ Per il 38enne pesarese della Yamaha (voto 10+) è il primo successo stagionale, il 10° ad Assen, il 115° in carriera, l’89° nella classe regina. Numeri da record. Digiuno finito. Corsa capolavoro, l’astuzia del volpone e la zampata del leone. Riaperta la corsa al titolo numero 10. Tutto merito del nuovo telaio fortissimamente voluto dall’asso pesarese? O della dura posteriore? Fatto sta che Vale è tornato a mettersi tutti dietro. Il nuovo trionfo di Rossi fa bene alla MotoGP e al motociclismo tutto. La controprova? L’audience Tv al prossimo GP in Germania…

PETRUCCI: voto 10. Gran corsa, gran podio in fotofinish. Non ha tentato l’ultimo attacco a Rossi per … reverenza? Stupidaggini. Questi gli ultimi tre giri di Petrux e fra parentesi i tempi di Vale: 1’38.082 (38.097), 1’37.582 (37.178), 1’36.564 (36.942). Ci ha provato! E il … giallo della bandiera blu (non data?) a Rins? Cose che capitano… Serve conferma per dimostrare di non essere solo un outsider favorito dagli … eventi. Dai, Petrux!

MARQUEZ: voto 9 -. Il campione del mondo in carica salva se stesso e la Honda (voto 8-) recuperando alla fine un podio di gran peso dopo una gara difficile e la sberla a Crutchlow sotto la bandiera. Marc raddrizza anche una giornata storta e una Honda altalenante. Anche così si vincono i mondiali. Il Sachsenring è terra di conquista Honda con Marquez sempre primattore. Sarà così anche domenica prossima?

DOVIZIOSO: voto 9+ Il forlivese della Ducati (voto 10) prosegue l’iter positivo e grazie a una gara accorta e (anche) al ko di Vinales riporta la Casa bolognese in testa al mondiale dopo 9 anni (Stoner 2009). Avanti così. Ma in Ducati c’è la “grana” Jorge. Il maiorchino arranca: da risorsa a palla al piede?

VINALES: voto 4 Il gap della partenza dalle retrovie penalizza il dominatore della prima fase del campionato tradito per la foga della rincorsa-show che stava dando i suoi frutti. Ma chi sbaglia paga. Per ora perdendo (solo) la leadership pro tempore del campionato. Il pilota ha grande talento e voglia di tornare a vincere. E smania dal rimettere le sue ruote davanti a quelle di Rossi. Al Sachsenring la resa dei conti?

LORENZO: voto 3 Il maiorchino sprofonda perdendo il bandolo della matassa. Le bizze del meteo non l’hanno aiutato. Ma Jorge procede con il passo del gambero. Incredibile per un pilota dal talento e dal palmares indiscutibili. Gara da dimenticare. Stagione fortemente compromessa. No al catastrofismo ma urge forte segnale di svolta. In pista, non con i soliti inutili proclami.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 36 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail