BMW R nineT Urban G/S: prima prova

BMW R nineT Urban G/S, la rievocazione in chiave moderna della mitica R 80 G/S che nei primissimi anni '80 conquistò ben 4 titoli nella gloriosa Parigi-Dakar. Sfruttando l'ottima base R nineT, BMW ha saputo tirare fuori dal cilindro un altro bellissimo modello spinto dal "vecchio" boxer aria/olio.

Nel 1980, BMW lancia un modello che da lì a poco diventerà un'icona dei primissimi anni '80, periodo durante il quale la mitica R 80 G/S vinse ben 4 titoli nella Parigi-Dakar. Oggi, per rievocare il DNA di quel modello e per chiudere in bellezza le novità della gamma heritage R nineT, BMW lancia la nuova R nineT Urban G/S.

La base tecnica è quella della R nineT Scrambler, con quote e alcune componenti completamente differenti. Il look è invece unico ed è una perfetta e moderna reinterpretazione della R 80 G/S: parafango alto, faro tondo con cupolino, cerchi a raggi, sella rossa che spezza il bianco del grande serbatoio e l'immancabile bicilindrico boxer con raffreddamento aria/olio.

Ed è proprio attorno a questo propulsore che si concentra il carattere della Urban G/S (così come degli altri modelli R nineT). È un bicilindrico che in passato ha saputo farsi apprezzare e che oggi, grazie a una quasi totale rivisitazione dei componenti, continua ad essere il miglior compromesso da abbinare a una moto di questa categoria.

I 110 cv erogati sono più che sufficienti, sopratutto se si vuol fare qualche scappatella su un bel tratto in terra battuta, dove la Urban G/S (con le opportune gomme tassellate) sa far divertire anche chi, nel fuoristrada, non ha ancora tanta dimestichezza. Il prezzo? 14.400 euro con un tagliando incluso, e i primi modelli cominciano ad essere consegnati proprio questa settimana!

BMW R nineT Urban G/S: com'è

Il look è, ovviamente, ciò che risalta più all'occhio: chi ama questo genere non può non amare le linee di questa moto. Nonostante la maggior parte dei componenti venga adottato anche sugli altri modelli della gamma R nineT, la Urban G/S sfoggia un look unico e inimitabile, caratterizzato da forme rotonde che ben si sposano con alcuni dettagli più "dirt" della moto.

La strumentazione che si cela dietro al piccolo cupolino è composta da un singolo elemento analogico che funge da tachimetro e ospita un display LCD contenente tutte le informazioni necessarie al viaggio. Paramani e paramotore (disponibili come optional) le donano un look ancora più off-road.

Come già accennato, anche su questa R nineT Urban G/S è stato montato il bicilindrico Boxer a raffreddamento aria/olio, adesso omologato Euro 4, da 1.170 cm³. La potenza di picco è di 81 kW (110 CV) a 7.750 g/min, con una coppia massima di 116 Nm a 6.000 g/min. Il comando delle quattro valvole (con anima in sodio) avviene attraverso due alberi a camme in testa per cilindro (DOHC) azionati a catena. L’alzata è gestita da leggerissimi bilancieri a rulli, resistenti ai regimi elevati; il recupero del gioco valvole è realizzato con delle leggere semisfere calibrate

Per rispettare la normativa Euro 4, quest'unità è stata dotata di un nuovo sistema di mapping, nuovo sistema di carburante con filtro ai carboni attivi per lo sfiato del serbatoio e impianto di scarico con catalizzatore modificato, adesso con sezione più grande.

Scelta classica (e anche di stile) per la trasmissione (6 rapporti), che rimane fedele al cardano sulla ruota posteriore. Il terminale di scarico della R nineT Urban G/S è stato montato vicino al corpo del veicolo, pensato per la guida leggera in fuoristrada. Un motorino passo-passo elettrico e una valvola acustica di apertura e chiusura azionata da cavi donano al bicilindrico un sound pieno e corposo, pur rispettandola norma di prova acustica ECE R41-04.

Nella R nineT Urban G/S il telaio si compone di tre elementi: telaio principale anteriore, telaio principale posteriore con sezione del telaio finale integrata e telaietto del passeggero. I singoli componenti del telaio sono avvitati uno all’altro.

La sospensione della ruota anteriore è una forcella telescopica tradizionale con diametro di 43 millimetri ed escursione di 125 millimetri, alla quale sono stati abbinati i classici soffietti di gomma che donano alla moto un look ancora più vintage. Al posteriore troviamo invece il classico Paralever con escursione di 140 mm.

Solo in Italia, la R nineT Urban G/S viene venduta esclusivamente con i cerchi a raggi incrociati, su ruote 120/70 ZR19 per l'anteriore e 170/60 ZR 17 al posteriore. I pneumatici tassellati sono disponibili come optional.

La frenata è garantita da un impianto frenante a doppio disco con pinze freno a quattro pistoncini, tubi flessibili dei freni in acciaio inossidabile e dischi freno da 320 millimetri.

Sul posteriore troviamo invece un freno monodisco dal diametro di 265 millimetri con pinza flottante e due pistoncini. Poca elettronica ma buona, grazie al sistema ABS (disinseribile) di serie e sistema ASC (Automatic Stability control) disponibile invece come optional.

BMW R nineT Urban G/S: come va

Il look e la posizione di guida ispirano fin da subito una bella sgasata su una strada sterrata con il posteriore che scoda e un enorme polverone che si alza alla nostre spalle. Tuttavia, nonostante la timida vocazione off-road, la Urban G/S predilige l'asfalto, sullo sterrato si comporta molto bene a patto di essere equipaggiata con gomme tassellate e che venga trattata con il giusto garbo.

Una volta in sella tutto ricorda la maggior parte dei modelli della famiglia R nineT, specialmente per il comfort, qui ancora più accentuato grazie a manubrio e sella più alti. Fin da subito la Urban G/S vuole confermarsi la più confortevole della gamma heritage BMW: sella comoda e spaziosa, manubrio largo e alto il giusto, le pedane nono troppo alte con denti grossi donano il giusto appoggio, e poi c'è il motore!

Il "vecchio" bicilindrico Boxer afferma ancora una volta la sua verve decisa e molto versatile, il tutto accompagnato da un rombo pieno e corposo che all'occorrenza borbotta che è un piacere! Una volta partiti, di vintage rimane solo il look e l'animo. Per il resto, i componenti moderni e ben tarati regalano a questa moto una guida chirurgicamente precisa e molto dinamica.

Il tipo di andatura è a discrezione del pilota: si può scegliere se affrontare un bel misto (anche in coppia) mantenendo una sola marcia lasciando che sia la coppia del boxer ad accompagnarvi oppure giocare con la manopola del gas e muovere tanto il corpo per lanciarsi velocemente tra le curve, magari con il posteriore che scoda in uscita e che saltella in ingresso accennando un leggero traverso (con ABS e ASC disinseriti ovviamente).

I sistemi elettronici di controllo sono sempre vigili e non eccessivamente invasivi. La nostra prova è stata effettuata con pneumatici tassellati che hanno superato a pieni voti la giornata. Certo è un tipo di guida anomalo, sopratutto se abbinato ad un 1200 non proprio leggero. Tuttavia, una volta presa la giusta dimestichezza, si rivela piacevole e coinvolgente.

Le sospensioni rispondono egregiamente anche se strapazzate, copiano bene le asperità dell’asfalto e donano alla Urban G/S una guida pulita e precisa, coadiuvata da una frenata rapida e sicura. In off-road non le si può certo chiedere di arrampicarsi sulle rocce o affrontare guadi e fango puro, tuttavia è una moto che sa farti divertire sullo sterrato, grazie al baricentro molto basso e ad un ottimo bilanciamento del peso. Ben gestibile anche la potenza del motore, grazie ad un ride-by-wire tarato egregiamente che sconosce l’on-off e mira principalmente ad un’erogazione molto pulita.

BMW R nineT Urban G/S: Pregi e Difetti

Piace

Look
Carattere del motore abbinato alla moto
Comfort
Maneggevolezza

Non Piace

Per raggiungere il piccolo vano porta documenti bisogna smontare la sella

BMW R nineT Urban G/S: scheda tecnica

Motore

Tipo Boxer bicilindrico a 4 tempi raffreddato ad aria/olio, due alberi a camme, quattro valvole radiali per cilindro, contralbero di equilibratura centrale
Alesaggio x corsa 101 mm x 73 mm
Cilindrata 1,170 cc
Potenza 81 kW (110 CV) a 7.750 g/min
Coppia massima 116 Nm a 6.000 g/min
Rapporto di compressione 12.0 : 1
Alimentazione / gestione motore iniezione elettronica nel condotto di aspirazione / gestione digitale con cut-off, doppia accensione
Catalizzatore catalitico a 3 vie regolato, in conformità con le normative Euro 4

Prestazioni / Consumo

Velocità massima Oltre 200 km/h
Consumo secondo il WMTC (World Motorcycle Test Cycle) per 100 km 5.3 l
Tipo carburante Super senza piombo a 95-98 ottani (potenza massima a 98 ottani)
Impianto elettrico
Alternatore trifase 720 W
Batteria 12 V / 14 Ah, senza manutenzione
Trasmissione
Frizione monodisco a secco ad azionamento idraulico
Cambio a sei marce in presa costante a denti elicoidali
Trasmissione secondaria ad albero cardanico

Ciclistica / freni

Telaio tripartito, comprendente una parte frontale e due posteriori, gruppo motore-cambio portante, telaietto posteriore removibile per uso con solo pilota
Sospensione anteriore forcella telescopica, diametro tubi portanti 43 mm
Sospensione posteriore forcellone monobraccio in alluminio pressofuso con BMW Motorrad Paralever, sospensione centrale, precarico molla regolabile tramite manopola ad azionamento idraulico, regolazione fase di estensione
Escursione complessiva / ruota 125 mm / 140 mm
Passo (in assetto normale) 1,527 mm
Avancorsa (in assetto normale) 110.6 mm
Inclinazione (in assetto normale) 61.5°
Ruote cerchi in alluminio forgiato
Dimensioni cerchio anteriore 3.00 x 19"
Dimensioni cerchio posteriore 4.50 x 17"
Pneumatico anteriore 120/70 R 19
Pneumatico posteriore 170/60 R 17
Freno anteriore a disco doppio, diametro 320 mm, pinze fisse a 4 pistoncini
Freno posteriore monodisco, diametro 265 mm, pinza a 2 pistoncini
ABS BMW Motorrad ABS

Dimensioni / Pesi

Lunghezza 2,175 mm
Larghezza (compresi specchi) 870 mm
Altezza (senza specchi) 1,330 mm
Altezza sella con peso a vuoto 850 mm
Arco del cavallo, con peso a vuoto 1,890 mm
Peso in ordine di Marcia comprensivo di liquidi* 221 kg
Peso totale ammesso 430 kg
Carico utile (con equipaggiamento di serie) 209 kg
Capacità utile del serbatoio 17 L
Di cui di riserva app. 3,5 L
test-bmw-rninet-urban-gs-2017-05.jpg

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 43 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO