Codacorta: la special italiana figlia della Fireblade

Presentata a Roma la special su base Honda CBR900 Fireblade. Solamente 40 esemplari disponibili


"Il mio nome è Codacorta. E' arrivato il mio tempo". Una frase ad effetto fa da sfondo al D-Store di Roma per la presentazione della Codacorta. Si tratta di una special decisamente particolare, aggressiva, veramente ben realizzata. Ha le stigmati della moto di classe, ma al contempo aggressiva, rabbiosa, cattiva. Di alto lignaggio verrebbe da dire. E' figlia della Honda CBR900 Fireblade, e non è un caso che vesta i colori del reparto corse di Tokio: blu, bianco e rosso. Il bello èperò è che da buoni italiani, vi è anche un'ulteriore versione cromatica: bianca-nera e rosso fluo.

E' un progetto unico voluto circa tre anni fa da tre persone. Un ex pilota come Massimiliano D'agnano, un team manager ed un banchiere. I sogni più belli nascono sempre davanti ad un bicchiere di vino, ed anche questa volta si decide di realizzare una special del genere: figlia del passato, ma aggressiva e pronta per il futuro. Una moto che avesse le stigmati della street racer agile, veloce, accecante alla vista. E, sopratutto, esclusiva.

Eccola dunque, nei suoi 40 esemplari, la Codacorta, nome ben ricamato anche sulla sella, presente sulla piastra di sterzo con la numerazione limitata. E poi anche sulle pedane e le leve. E' una piccola opera d'arte di metallo, ma che respira l'animo delle due ruote.
Saranno solo 40 come detto, e ciò che è più bello è che potranno essere tecnicamente e cromaticamente personalizzabili.

Un mezzo davvero ben realizzato, la cui nascita, come per uno scultore dal blocco di Marmo, nasce dalla CBR a cui si è voluto puntare ad un lavoro di allegerimento, di pulizia di taluni componenti, e di realizzazione di particolari ricavati dal pieno. Presente, al lancio di Roma, lo stesso papà, Massimiliano D'Agnano: "Abbiamo realizzato un restyling sull'anteriore, ora più aggressivo. Abbiamo modificati i manubri e inserito un nuovo cupolino. E' nuova anche la strumentazione, il faro, le piastre di sterzo, i cerchi e le frecce. Il posteriore poi lo abbiamo stilizzato con una sella modern-retrò in grado di ospitare anche un passeggero. Poi abbiamo realizzato anche una piastra in acciaio forgiata, così come il telaietto porta targa integrato è stato realizzato a mano.

Dal punto di vista ciclistico, abbiamo scelto degli ammortizzatori Gubellini Racing. Il collettore di scarico è un 4 in 2 in uno artigianale con un terminale ad hoc".

Per avere una di queste 40 opere d'arte? Tra i due ed i tre mesi con collaudo e messa a punto. Per saperne di più, vi invitiamo a consultare il sito www.codacorta.it. Il prezzo? Lo sveleremo a breve!

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 6 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO