Iannone: "Ritrovato il feeling con la Suzuki"

L'abruzzese della Suzuki si dichiara soddisfatto del 7° posto conquistato nel GP delle Americhe di Austin: "Perso troppo tempo nei primi 5 giri"

mgp3andrea-iannoner6.jpg

Primi punti stagionali per Andrea Iannone (Suzuki Ecstar) nel Gran Premio delle Americhe, terzo appuntamento del Mondiale MotoGP 2017.

Il pilota abruzzese, dopo una bella battaglia con Jorge Lorenzo (Ducati Team) e Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) è infatti riuscito a portare via dal COTA un sudatissimo 7° posto che gli ha permesso di incamerare i primi 9 punti stagionali, risultato certamente soddisfacente per lui alla luce delle difficoltà incontrate nel fine settimana di Austin.

Scattato dall'undicesima casella dello schieramento dopo le opache qualifiche del sabato, l'abruzzese ha avuto un avvio di gara poco brillante ma è riuscito progressivamente a risalire la china fino ad arrivare a battagliare con i due ducatisti per la settima posizione, uscendone vincitore.

mgp3andrea-iannoner1.jpg

Iannone ha terminato la corsa a oltre 15" dal vincitore Marc Marquez (Honda Repsol) e a poco più di un secondo di ritardo dall’ex compagno di box Andrea Dovizioso (Ducati Team), dichiarandosi alla fine comunque ottimista in vista dei prossimi GP:

"Non sono contento del risultato, ma almeno in gara siamo riusciti a reagire un po’. Peccato che all’inizio ho perso tanto rispetto ai primi, ma poi sono riuscito a mantenere un distacco abbastanza contenuto e a recuperare su quelli davanti, e questo è positivo. Dobbiamo continuare così, lavorando in questa direzione. Abbiamo tanto da fare però spero che, presto, ritroveremo la strada giusta".

mgp3andrea-iannoner8.jpg

L'aspetto più incoraggiante per Iannone al termine del fine settimana in Texas è rappresentato dal miglioramento delle sue sensazioni in sella alla Suzuki GSX-RR:

"Sono comunque soddisfatto perché finalmente ho ritrovato un buon feeling con la moto, ma al tempo stesso non sono affatto contento della prima parte di gara. Ho perso troppo tempo nei primi 5 giri e poi è stato difficile recuperare. In seguito ho trovato un buon passo, ma avendo già perso 6 o 7 secondi era ormai troppo difficile recuperare di più."

mgp3andrea-iannoner5.jpg

Il pilota di Vasto ha comunque riconosciuto che questo ritrovato affiatamento con il prototipo di Hamamatsu andrà comunque verificato nel corso delle prossime settimane:

"Ci sarà un test molto importante che faremo il lunedì dopo Jerez, dove proveremo alcune configurazioni diverse del set-up che sarebbero impossibili da provare in un weekend di gara. Sicuramente questo fine settimana, e soprattutto questa mattina, abbiamo imparato molte cose: ci saranno molto utili per assicurarci di arrivare in Spagna ben preparati ".

mgp3andrea-iannoner2.jpg

  • shares
  • Mail