Ducati "Mike's Leggero" by Walt Siegl

Prosegue la serie "Leggero" di Walt Siegl: la Mike's Leggero è la 21esima Ducati Desmodue lightweight realizzata dal prepratore austriaco trapiantato negli Stati Uniti

Vi abbiamo parlato più volte di Walt Siegl, preparatore austriaco trapiantato negli Stati Uniti e specializzato in special su base Ducati. L'ultima sua creazione che vi abbiamo mostrato è la Dakar Rally, una Hypermotard 1100 dichiaratamente ispirata (anche nel nome) alle moto dei grandi raid africani.

La caratteristica che distingue i lavori di Walt è l'ossessione per la leggerezza, la spasmodica ricerca del chilo in meno: l'instancabile perseguimento di un minor peso per le sue creature ha portato questo customizer a creare addirittura una linea di prodotti dedicata, la Leggero.

"Leggero" è infatti il nome di una serie di special create da Siegl con lo scopo di realizzare delle cafè racer minimaliste, senza fronzoli, che possano trasmettere il puro piacere di guida senza per forza contare su motori da 200 cv e gingilli elettronici all'ultimo grido.

Non è un caso che per spingere queste moto Walt abbia scelto il bicilindrico Ducati Desmodue, un propulsore robusto e vigoroso, ricco di coppia ai bassi ma certamente non dotato della potenza esagerata delle moderne Superbike. Niente traction control, niente ride-by-wire, niente ABS: solo polso destro, per una guida vecchio stampo che ormai è praticamente impossibile ritrovare sulle moto di oggi.

Le Leggero, in tutto, sono 21, e sono state vendute in ogni angolo del globo: Australia, America Francia, Canada... qualche tempo fa vi avevamo mostrato la Brad's Leggero, mentre quest'oggi è la volta di farvi vedere la Mike's Leggero, l'ultima lightweight sfornata da Walt.

Il bicilindrico bolognese è stato curato da Bruce Mayers Performance, ed ha subito un soft tuning che ha comportato il flussaggio delle testate e la lucidatura dei condotti. Per quanto riguarda la ciclistica, sono state adottate sospensioni Ohlins completamente regolabili e ruote BST in fibra di carbonio.

Ovviamente, particolare attenzione è stata rivolta al contenimento del peso: il telaio a traliccio, che pesa solamente 15 libbre (circa 6.8 kg), è costruito da Walt stesso nella sua officina, così come le sovrastrutture in kevlar che citano le linee classiche delle Ducati sportive del passato.

A quando la 22^ Leggero?

Via|Silodrome

Vota l'articolo:
Nessun voto. Potresti essere tu il primo!  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO