BMW R nineT MY 2017: prima prova [Video]

Sullo storico e spettacolare tragitto della Targa Florio, abbiamo testato la nuova BMW R nineT M.Y. 2017, la roadster bavarese nata per celebrare i 90 anni dalla nascita del marchio dell'elica...e non solo!

Fine 2013, BMW Motorrad annuncia l'arrivo di un nuovo modello per celebrare i 90 anni dalla nascita del marchio dell'Elica. Si chiama R nineT, è una roadster dal gusto retrò dotata di stile e tecnica puramente tradizionali: troviamo infatti il "vecchio" bicilindrico boxer da 1170 cc raffreddato ad aria/olio abbinato alla trasmissione cardanica, doppio scarico laterale e forcella a steli rovesciati tradizionale, mentre al posteriore rimane un mono abbinato al classico Paralever BMW.

Dal 2014 (anno di entrata in produzione) fino ad oggi, la R nineT è stata venduta in 25.459 unità del mondo, 1.829 delle quali vendute e apprezzate sul suolo italiano. Il 2017 è un anno di grandi novità per la R nineT, che si avvale adesso di una gamma che porta questo importante nome. Abbiamo infatti visto nascere la versione Scrambler, Urban G/S, e le roadster Pure e Racer (il test nei prossimi giorni). La capostipite rimane comunque la versione "standard", la R nineT più completa, oggi oggetto del nostro test.

Le principali novità di questo modello riguardano le quote ciclistiche aumentate, una nuova forcella, un serbatoio rivisto nella capienza e l'omologazione Euro 4 per il bicilindrico boxer. Per il resto, è lo stile a dettare il carattere puro e roadster di questa moto: faro tondo, cerchi a raggi, doppio scarico laterale, doppio strumento analogico/digitale e tanta voglia di macinare chilometri.

I prezzi sono in linea con la qualità percepita e lo stile inconfondibile BMW: la R nineT parte da 16.250 euro, cifra che lievita molto facilmente se si vuole personalizzare la moto attingendo alla lunghissima serie di optional disponibili.

BMW R nineT M.Y. 2017: come va

VOTO 8 prima prova

BMW non poteva scegliere posto migliore dello storico tragitto della Targa Florio per farci conoscere la nuova R nineT 2017. Sono passati ben 88 anni dalla vittoria del pilota tedesco Koeppen, che trionfò sulle Madonie proprio su una BMW 500.

Celebrando quindi la storia e lo stile vintage, BMW ha voluto esprimere su questa roadster il massimo del potenziale tecnologico pur rimanendo fedele alle caratteristiche che hanno contraddistinto il marchio in quasi 100 anni di storia. Sulla R nineT 2017 la seduta è comoda, ampio e alto il giusto il manubrio, garantisce sempre un ottimo controllo.

Se nelle manovre da ferma la R nineT risulta un po’ impacciata nei movimenti, una volta in moto diventa molto maneggevole e svelta. Il baricentro basso del bicilindrico boxer gioca un ruolo fondamentale quando si parla di equilibrio. Proprio il propulsore, con la sua verve espressa fin dai bassissimi regimi, è il componente che più lascia assaporare il vero carattere di questa moto.

È puro piacere di guida, senza troppi giri di parole. La potenza viene erogata linearmente e senza strappi, nel misto si può tenere tranquillamente una sola marcia lasciando che sia la generosa coppia a tirarci fuori dalle curve dolcemente ma con decisione. Potente e ben modulabile la frenata, con un ABS sempre pronto a intervenire e del quale si avverte l'intervento sul posteriore nelle staccate più decise.

La nuova forcella di derivazione S 1000 RR esalta il feeling che deriva dall’anteriore: questa sospensione garantisce ingressi in curva repentini e mantiene egregiamente la traiettoria, senza nulla togliere al comfort del mezzo. Agendo poi sulle regolazioni è possibile affinare ancor di più il suo "lavoro" adattando il comportamento della moto al tragitto affrontato e al proprio stile di guida.

Solido e composto il posteriore, il sistema Paralever abbinato al monoammortizzatore garantisce un'ottima trazione anche su fondi difficili e in Sicilia, si sa, il manto stradale soffre di gravissime lacune in termini di omogeneità e aderenza.

Tuttavia, l’intervento dell’ASC (optional) si avverte solo sul fondo più sdrucciolevole. Chi vuole giocare a "maltrattare" la R nineT ha poi la possibilità di disinserire del tutto sia ABS che ASC, ma questa roadster non è nata per lasciare lunghe virgole sull'asfalto o per puntare il cielo con la ruota anteriore. La R nineT l'asfalto vuole goderselo tutto d'un fiato, trasmettendo al proprio pilota un piacere di guida difficile da trovare ormai sul mercato, dove trionfa la corsa a chi ha più cavalli nella propria stalla.

Se si vuol fare un giro domenicale sui monti però, meglio in solitudine: il passeggero soffre un po’ le dimensioni ridotte della sella. Manca poi di praticità l'accesso al piccolo vano portaoggetti presente sotto la sella, meglio tenere documenti e attrezzi in uno zainetto piuttosto che smontare letteralmente alcuni componenti per accedervi.

La R nineT nasce innanzitutto per celebrare i 90 anni della casa motociclistica bavarese, ma è riuscita a farsi apprezzare per la nobile reinterpretazione dello stile vintage, strizzando l’occhio ai motociclisti ormai non più giovani alla ricerca di due ruote in grado di riportare la loro memoria a quando le moto cominciavano ad essere ben oltre che un agile mezzo di trasporto.

BMW R nineT M.Y. 2017: com'è

Elegante stile retrò, cura dei dettagli e impiego di materiali di alta qualità. La casa bavarese non poteva non rifarsi a queste caratteristiche per esprimere al meglio il proprio concetto di “vintage”. La BMW R nineT è una roadster elegante e proporzionata. Nulla è lasciato al caso. La strumentazione si compone di due elementi circolari analogici abbinati a due display LCD.

Sul frontale trova posto un grosso faro rotondo stretto dalle canne della nuova forcella a steli rovesciati da 46 mm di derivazione S 1000 RR, completamente regolabile e anodizzata color oro. La capienza del serbatoio aumenta di 1 lt (adesso sono 18) ma la forma rimane identica. Al di sotto troviamo poi il classico bicilindrico boxer da 1170 cc con sistema di raffreddamento aria/olio.

Questa storica unità, riceve adesso l'omologazione Euro 4, rimanendo comunque capace di 110 cv a 7500 giri/min e dotato di una coppia di 116 Nm a 6000 giri/min. Al motore è abbinato poi un cambio a sei rapporti al quale segue la classica trasmissione cardanica.

Il telaio è un traliccio modulare che lascia spazio alla personalizzazione delle componenti, mentre sul posteriore lavora un monoammortizzatore abbinato al sistema Paralever. Di serie troviamo ABS, doppio freno a disco anteriore da 320 mm, piastre di sterzo in alluminio fucinato, anodizzato al naturale.

Come anticipato, aumentano anche le quote ciclistiche, quindi passo, avancorsa, lunghezza totale e altezza sella, mentre diminuisce leggermente l’inclinazione del cannotto di sterzo. Due i tipi di vernice speciali offerte: la prima è chiamata “blackstorm metallizzato”, mentre la seconda si chiama “blueplanet metallizzato”. Disponibile tra gli optional il serbatoio in alluminio spazzolato.

Pregi & Difetti

Piace

Carattere
Sound
Erogazione potenza
Frenata
Feeling derivante dall'anteriore

Non Piace

Accesso al vano sottosella
Comfort in due

BMW R nineT M.Y. 2017: scheda Tecnica

Motore

Cilindrata cm3 1 170
Alesaggio/corsa mm 101/73
Potenza kW/CV 81/110 a regime g/min 7 750
Coppia Nm 116 a regime g/min 6 000
Tipo Boxer bicilindrico a raffreddamento aria/olio
Numero cilindri 2
Compressione/carburante 12,0:1, Super senza piombo (95‒98 RON)
Valvole/carburazione DOHC
Valvole per cilindro 4
Ø Aspirazione / scarico mm 39/33
Ø Farfalla mm 50
Alimentazione / Gestione motore BMS-MP
Depurazione gas di scarico catalizzatore regolato a 3 vie

Impianto elettrico

Alternatore W 720
Batteria V/Ah 12/14 long-life
Proiettore W 60/55 H4
Avviamento kW 1,2
Trasmissione di potenza
Frizione a secco ad azionamento idraulico
Cambio a sei rapporti ad innesti frontali
Trasmissione secondaria albero cardanico

Ciclistica

Telaio a doppia trave, motore a funzione portante
Sospensione anteriore forcella telescopica a steli rovesciati, Ø 46 mm
Sospensione posteriore BMW Paralever
Escursione anteriore/posteriore mm 120/120
Avancorsa mm 107,9
Passo mm 1 487
Inclinazione cannotto sterzo ° 63,2
Freni anteriore a doppio disco ed azionamento idraulico Ø 320 mm posteriore monodisco Ø 265 mm
ABS BMW Motorrad ABS

Ruote a raggi
anteriore 3,5 x 17"
posteriore 5,5 x 17"
Pneumatici anteriore 120/70 ZR 17
posteriore 180/55 ZR 17

Dimensioni e pesi

Lunghezza totale mm 2 175
Larghezza con specchi mm 900
Altezza della sella mm 803
Peso DIN in ordine di marcia kg 222
Peso totale ammesso kg 430
Capacità utile del serbatoio l 18

Prestazioni di guida

Consumo di carburante (WMTC) l/100 km 5,3 0‒100 km/h s 3,5
Velocità massima km/h >200

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 18 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO