Harley-Davidson presenta il nuovo modello Street Rod

In occasione di Motodays la filiale italiana di Harley-Davidson presenta il suo nuovo modello Street Rod 750.

Dopo il Road King Special presentato esattamente un mese fa, Harley-Davidson continua a sfornare nuovi modelli che, come annunciato dal Presidente Matt Levatich pochi giorni prima della presentazione, saranno ben 50 nei prossimi 5 anni. Il nuovo modello appena lanciato si chiama Street Rod, un nome a dire il vero già comparso alcuni anni fa, per la precisione 12, nel listino della Casa di Milwaukee, quando venne lanciata la VRSCR 1130 Street Rod, versione sportiva del V-Rod.

La piattaforma è quella della Street 750 con motore Revolution X raffreddato a liquido da 750 cc. Così come avvenuto per il Road King Special, anche questa versione prende spunto dalle customizzazioni che si sono viste negli ultimi anni fin dal lancio di questa entry level, avvenuto nel 2013.

Esteticamente si distingue a prima vista per il cupolino in tinta e il manubrio drag bar con specchi montati sui contrappesi. Ma sono molti gli elementi che la differenziano rispetto alla Street 750, a partire proprio dal propulsore.

07_harley-davidson_street_rod_2017.jpg

Novità su questo modello è infatti prima di tutto il motore, denominato High Output Revolution X; il termine High Output, già usato per gli ultimi Twin Cam montati sulle Touring del Project Rushmore, evidenzia un aumento di prestazioni rispetto al propulsore montato sulla Street 750. Mantiene l’architettura a V di 60°, offrendo il 20% di potenza in più e il 10% di coppia in più rispetto a Street 750.

I valori si attestano infatti rispettivamente a 71 CV (52 kW) a 8.750 giri e 65 Nm a 4.000 giri, contro i 58 CV (43 kW) a 6.750 giri, un incremento di 2.000 giri, e 59 Nm a 4.000 giri. Studiata per dare il meglio di sé tra i 4.000 e i 5.000 giri/minuto, le prestazioni, secondo quanto dichiarato dalla Casa, si dovrebbero far sentire già ai regimi intermedi, attributo che ne amplifica la guidabilità nelle situazioni reali, caratteristica che già avevamo notato nel nostro test della Street 750.

Le dotazioni includono un grande e capiente air-box, i due nuovi corpi farfallati da 42 mm, invece che da 38, le nuove testate a quattro valvole, e alberi a camme ad alzata maggiorata, oltre al volume maggiore del silenziatore di scarico. Il tutto è stato studiato per incrementare il flusso di aspirazione e l’efficienza. Il rapporto di compressione è stato aumentato dal precedente 11:1 all’attuale 12:1, così come la zona rossa, che è passata da 8.000 a 9.000 giri/minuto.

13_harley-davidson_street_rod_2017.jpg

Il telaio della Street Rod è stato progettato per essere all’altezza delle prestazioni del motore.  Il frontale è enfatizzato dalla forcella a steli rovesciati da 43 mm, in luogo di quella tradizionale con steli da 37 mm, stretta da piastre in alluminio. L’angolo di inclinazione della forcella passa da 32° a 27°, a vantaggio della reattività dello sterzo.

I nuovi ammortizzatori posteriori dispongono di un serbatoio esterno che aumenta la capacità dell’olio e mantiene un livello di smorzamento costante; la corsa è aumentata da 89,5 fino a 117 mm. Il forcellone è stato leggermente allungato, per adattarsi meglio agli ammortizzatori più lunghi, in un’ottica orientata alle prestazioni.

La seduta è stata ridisegnata, mentre l’altezza da terra della sella passa da 720 a 765 mm migliorando la visuale anteriore. La Street Rod è dotata anche di nuovi pedali del cambio e del freno e di pedane posteriori in alluminio. L’angolo di piega è stato aumentato, passando dai 28,5° gradi a sinistra e a destra a 37,3° a destra e 40,2° a sinistra. Il manubrio dritto drag-bar offre una posizione di guida più aggressiva; alle estremità i nuovi specchietti retrovisori sui contrappesi si possono montare  sopra o sotto le manopole per un look più cafe racer.

14_harley-davidson_street_rod_2017.jpg

La Street Rod monta cerchi neri in alluminio a razze entrambi da 17’’ e pneumatici radiali Michelin Scorcher 21 da 120/70 davanti e 160/60 dietro. Rispetto alla Street cambiano dunque entrambe le ruote. L’anteriore passa infatti dai 2.5” di larghezza, con pneumatico 100/80, ai 3.5”, mentre il posteriore passa da 15x3.5”, con pneumatico 140/75, a 17x4.5”.  La frenata con ABS ora conta su un secondo disco anteriore, sempre da 300 mm, con pinze a due pistoncini, mentre rimane invariato quello posteriore.

La Street Rod unisce al motore ottimizzato e all’aumento di manovrabilità una certa dose di puro stile Dark Custom firmato Harley-Davidson. La forcella e le piastre di sterzo, spesse e total black, sormontate dal tachimetro in tinta con la carrozzeria, a eccezione per l’inserto centrale nero, rendono l’avantreno più massiccio. La nuova sezione di coda, con parafango corto, dona luminosità al posteriore, dotato di luci e indicatori di direzione a LED.

L’altezza di guida maggiorata e i cerchi da 17” infondono alla Street Rod un’aria sportiveggiante, mentre il nuovo filtro dell’aria in stile scoop risalta il sound di scarico. L’antifurto Smart Security System di Harley-Davidson è di serie.

La Street Rod sarà offerta in tre colorazioni: Vivid Black, Charcoal Denim e Olive Gold. I prezzi partono da 8.700 euro per la verniciatura Vivid Black, 200 euro in più per le altre due verniciature. I 1.250 euro in più richiesti rispetto alla Street 750 sono più che giustificati dal nuovo motore e dalla ciclistica perfezionata, oltre che da alcuni dettagli di migliore fattura, anche se il risvolto della medaglia è che ora il prezzo della Street Rod si avvicina ancora di più ai 10.400 euro necessari per un Iron 883.

Vota l'articolo:
4.00 su 5.00 basato su 20 voti.  
  • shares
  • +1
  • Mail

I VIDEO DEL CANALE MOTORI DI BLOGO