SBK: senza Rea, Davies primo nei test di Portimao

In assenza della coppia Kawasaki l'Italia fa la parte del leone: in testa la Ducati con il gallese, poi il duo Aprilia. Soprende in postivo la Kawasaki del team Puccetti


SBK 2017 -

Quando il gatto non c'è i topi ballano verrebbe da dire. Ed in effetti, assente la coppia ufficiale Kawasaki, in questi test di Portimao, Chaz Davies e la Ducati hanno fatto la parte del leone, dominando queste prove sul circuito dell'Algarve. In casa Aruba l'obiettivo è sempre lo stesso consolidato, e Davies ha già mostrato quando sia focalizzato nel conquistare la corona iridata.

Parola d'ordine quindi, migliorare quella Panigale che nella seconda parte di stagione era stata in grado di renderlo mattatore. Il numero 7 di Borgo Panigale, ha chiuso l'ultima giornata di test con un 1'41.813 raggiunto nelle sue 38 tornate all'interno del budello portoghese.

Test di Portiamo che comunque parlano profondamente italiano: dietro il gallese di Ducati, ecco far capolino l'RSV4 del duo Milwaukee, con Euguene Laverty a 189 millesimi dalla vetta, e Lorenzo Savadori a oltre due decimi. E' da sottolineare comunque come entrambi i piloti abbiano girato veramente tanto: 67 tornate per Laverty, 71 per Savadori.

Gli "eroi" di giornata sono stati comunque Leon Haslam e la Kawasaki del team Puccetti che hanno sorpreso positivamente il paddock. La compagine italiana, da anni fedele ad Akashi, ha mostrato che con una buona organizzazione, una buona preparazione motoristica - anche in casa - ed un pilota come Haslam, le soddisfazioni potrebbero essere alla portata...in attesa del rientrante Krummenacher.

Molto bene anche Leon Camier con la MV Agusta, a circa mezzo secondo da Davies. E la Yamaha R1? Subito dietro con Alex Lowes sesto davanti a Michael Van der Mark. La moto di Iwata quest'anno deve puntare al salto di qualità per non ritrovarsi nei bassifondi. La concorrenza - mai come quest'anno - è agguerrita.

Nona piazza per Marco Melandri, che in questi test di Portimao ha puntato fortemente a capire la moto in simulazioni di gara. In cerca di sviluppo e quindi comprensibilmente attardate le due Honda CBR1000RR SP2 di Hayden e Bradl.

Da segnalare anche l'11esima piazza di De Rosa e la 13esima di Riccardo Russo. 14esimo Leandro Mercado al debutto con l'Aprilia del team Ioda.

  • shares
  • Mail