Meregalli: "Viñales è di una freddezza impressionante"

Il team manager della squadra dei Tre Diapason è rimasto piacevolmente sorpreso dall'approccio e dal metodo di lavoro del 22enne catalano, che oltre ad essere veloce sembra dimostrare una maturità agonistica fuori dal comune

mymm_jarvis-meregalli-rossi-vinales.jpg

L'arrivo di Maverick Viñales al Yamaha Racing Team è sulla bocca di tutti nel paddock (fin'ora virtuale) della MotoGP.

Il 22enne spagnolo ha stupito avversari, pubblico e addetti ai lavori durante i primi test di Valencia, quando da debuttante assoluto sulla YZR-M1 si è messo dietro tutti i lupi famelici della Top Class, compresi il Campione del Mondo Marc Marquez e il compagno di squadra Valentino Rossi. Esordire su una moto nuova e riuscire a stare là davanti è cosa che riesce solo ai fuoriclasse assoluti, d'altra parte.

Il primo ad essere profondamente stupito dal talento e dall'approccio di Maverick è il suo team manager, Maio Meregalli, che alla presentazione della formazione 2017 dei Tre Diapason ha rilasciato alcune dichiarazioni ai microfoni di Motorsport.com.

"La freddezza di Maverick è impressionante, soprattutto come gestisce la pressione. Non era facile salire a Valencia sulla moto di Lorenzo, che aveva vinto il GP, ma la sua risposta è stata molto buona. E' stato molto calmo e tranquillo, facendo segnare il miglior tempo. Il giorno dopo, quando era il momento di mettere le gomme morbide, ha preferito terminare tutti i lavori programmati e poi ha fatto il miglior tempo"

Maio ha inoltre sottolineato che, nonostante la giovane età, Viñales sembra essere anche un ottimo collaudatore, capace di dare indicazioni decise e puntuali. Inoltre, pare in grado di adattarsi con grande facilità: una dote che potrebbe rivelarsi la sua carta vincente già dalle prime gare della prossima stagione.

"Una cosa che mi ha sorpreso è che Maverick non ha mai divagato nel dare il suo giudizio sui pezzi che ha provato. Ha detto che gli piaceva oppure no, quindi diciamo che ha molta sicurezza (...) E' prematuro dare un giudizio dopo un paio di test, ma da quello che ho visto finora, probabilmente farà molto bene. Si è adattato molto bene alla moto, sapevamo che era veloce, ma pensavamo che avrebbe avuto bisogno di un po' più di tempo per adattarsi"

Il team manager italiano ha concluso auspicando la prosecuzione di un buon rapporto tra i due piloti di Iwata, memore delle difficoltà intercorse in passato nel gestire la complicata relazione tra Rossi e Lorenzo: "Spero che il rapporto tra lui e Vale possa continuare così" ha detto Maio "E' importante che lavorino bene insieme. L'anno scorso non è stato facile gestire il cattivo rapporto che avevano i due piloti".

maio-meregalli.jpg

  • shares
  • Mail